breaking news

ATTI SESSUALI CON MINORE IN CAMBIO DI “REGALINI”

ATTI SESSUALI CON MINORE IN CAMBIO DI “REGALINI”
Cronaca
0

I carabinieri della Compagnia di Caltanissetta hanno arrestato un uomo di Serradifalco, Calogero Castelluzzi, classe ‘35, ed una donna, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal G.I.P. di Caltanissetta sulla base di articolate attività d’indagine dirette dalla procura nissena, sono stati ritenuti responsabili della violazione di cui all’art. 600 bis del codice penale (prostituzione minorile).

Nella fattispecie, nel mese di settembre scorso, hanno iniziato a circolare strane voci nel paese di Serradifalco, in base alle quali un anziano del luogo, insieme ad una minorenne, erano soliti allontanarsi nelle limitrofe campagne, in tarda serata.

Appresa tale notizia, i carabinieri della stazione di Serradifalco hanno interessato i militari del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Caltanissetta, che hanno dato immediato impulso alle attività d’indagine.

Dopo alcuni servizi di osservazione, pedinamento e controllo effettuati a Serradifalco, i carabinieri hanno individuato una “Fiat Panda” sospetta, condotta da un uomo anziano, residente a Serradifalco, ed all’interno della vettura hanno notato la presenza, frequente, di una ragazzina.

Dagli accertamenti preliminari effettuati sui due soggetti, non e’ emerso alcun legame di parentela ed i militari, insospettiti dal comportamento e dalle abitudini dell’uomo, hanno intensificato i pedinamenti.

Tanto che, una sera di fine settembre, i carabinieri hanno pedinato la strana coppia, prima all’interno di un negozio d’abbigliamento da donna e successivamente in un negozio per borse e pelletterie dai quali sono usciti con alcune buste di plastica.

Successivamente, fattosi ormai buio, il vecchio e la bambina, dopo essere saliti a bordo della “Fiat Panda” dell’uomo, si sono allontanati verso l’uscita del paese, hanno imboccato la strada provinciale e si sono appartati in uno spiazzale tra le campagne limitrofe, lontano da occhi indiscreti.

L’intervento dei carabinieri, nella circostanza, è stato anticipato da una seconda vettura con a bordo una giovane coppietta che, pochissimi minuti dopo, si è diretta proprio nel luogo dove la bambina e l’anziano sostavano. Quest’ultimo, alla vista del mezzo, ha rimesso in moto la propria vettura allontanandosi frettolosamente e facendo ritorno a Serradifalco dove ha infine fatto scendere la minore, davanti un noto bar del centro.

Raccolti sufficienti elementi per suffragare i sospetti in merito a comportamenti illeciti dell’anziano, i carabinieri hanno informato la Procura della Repubblica di Caltanissetta e l’indagine e’ stata intensificata anche con l’ausilio di strumenti tecnici.

Durante il continuo monitoraggio effettuato negli ultimi 3 mesi, sono emersi elementi utili a suffragare i sospetti: l’anziano era solito porre in essere atti libidinosi nei confronti della minore.

Dalle stesse intercettazioni, è stato documentato come l’uomo era solito “ricompensare” la minore con numerosi regali, quali capi d’abbigliamento, pacchetti di sigarette e piccole somme di denaro in cambio di palpatine, coccole e baci.

I carabinieri hanno raccolto conversazioni dalle quali si evince palesemente l’influenza che l’anziano ha avuto sulla minore. A volte è brusco, a volte pare volerla tranquillizzare, ma con il solo scopo di soggiogarla, confonderla, al fine di giustificare gli atti libidinosi che lui pone in essere, approfittando dell’oggettiva incapacità della minore nel valutare il disvalore della condotta e della incapacità di sentirsi vittima di un sistema che l’ha resa schiava.

Le toccate, i baci ed i palpeggiamenti documentati dai carabinieri vengono tutti posti in essere in cambio di denaro o di altra utilità economica. Infatti, le numerose circostanze in cui l’uomo ha elargito del denaro alla minore, sono correlate ad un atto libidinoso posto in essere o magari alla richiesta di consumare un rapporto carnale completo.

Purtroppo, in tutta questa storia, i carabinieri hanno riscontrato anche la compiacenza della madre della minore poiche’, in diverse circostanze, si è unita alla figlia ed all’anziano, recandosi insieme a loro presso supermercati e negozi di abbigliamento, ove sono stati effettuati diversi acquisti, spesati sempre dall’anziano.

Incide molto nella vicenda, la situazione precaria della donna la quale dagli accertamenti effettuati, non risulta avere un’occupazione fissa né un reddito che possa permettere a lei ed alla figlia di sopravvivere.

In qualche circostanza è proprio la donna a contattare telefonicamente l’uomo chiedendogli di passare a prendere la figlia e, dai discorsi che questo e la minore intrattengono, è apparso evidente come parte delle “ricompense” che egli ha elargito alla bambina, sono state da questa divise con la madre. da qui, il beneficio che la madre riceve dalla prostituzione della figlia.

Inoltre, sono stati raccolti elementi in base ai quali è risultato altresì evidente che la madre era perfettamente a conoscenza del “forte” legame instauratosi tra la figlia e l’uomo; a volte pare sia stata la stessa madre ad invitare l’uomo a prendere la figlia per permettergli di trascorrere del tempo insieme.

Al termine dell’attività d’indagine effettuata dai carabinieri dunque, la procura della repubblica ha formulato le richieste di applicazione della misura cautelare per l’uomo ed anche per la madre.

L’incubo per la minore è terminato con il blitz dei militari che questa mattina hanno condotto l’uomo e la donna presso la caserma dei carabinieri a Caltanissetta, in Viale Regina Margherita e, dopo gli accertamenti di rito, sono stati riaccompagnati presso le rispettive abitazioni e dichiarati agli arresti domiciliari dove rimarranno a disposizione dell’autorità giudiziaria.

La bambina invece, affidata ad una comunità, verrà seguita da medici e psicologi per permetterle di ricominciare a vivere ed a sorridere. come dovrebbe fare una bambina di quindici anni.

 

Visualizzazioni: 144

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com