breaking news

I “MIASMI” HANNO LASCIATO UNA “TRACCIA”

I “MIASMI” HANNO LASCIATO UNA “TRACCIA”
Attualità
0

Dopo quanto accaduto nella serata martedì, 18 marzo 2014, tra Siracusa e Priolo, i “miasmi” hanno lasciato una “traccia”. Individuata dai tecnici dell’Arpa di Siracusa dopo i campionamenti effettuati con il canister in città e attraverso centraline di monitoraggio a Priolo. È stata rilevata la presenza in atmosfera di composti solforati, riconducibili alla raffinazione del petrolio. Leggendo il bollettino di Arpa continuiamo a non comprendere il perchè non si adottano provvedimenti. Perché tutto tace? Chi si avvantaggia da questo silenzio? Come Verdi ci siamo posti dei quesiti ai quali vorremmo fossero date delle risposte più esaustive dei semplici dati di ARPA, affidandoli anche alla Procura della Repubblica. Continuiamo a chiederci la provenienza dei miasmi e il “cosa” li provoca. Quanto alle rassicurazioni e alle minimizzazioni, non volendo fare allarmismo, ci resta il raggionevole dubbio che sono diramate ad arte. È pur vero che composti solforati vengono considerati generalmente a bassa tossicità per l’uomo, ma possono causare fastidi come nausea, bruciore agli occhi ed alle vie respiratorie e la troppa esposizione può causare danni molto gravi. Aspettiamo ancora quali provvedimenti sanzionatori la Regione Sicilia ha emesso o ha intenzione di emettere nei confronti di chi ha inquinato e di chi lo sta continuando a fare. Perché questo immobilismo inaccettabile? Perchè, tranne la magistratura, nessuno fa niente? 

Angelo Bonelli, Portavoce Nazionale dei Verdi

Giuseppe Patti, Cordinatore Verdi Siracusa

 

Visualizzazioni: 78

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com