breaking news

Augusta| 106 MIGRANTI, MINORI NON ACCOMPAGNATI, DA IERI SERA OSPITI DEL PALAZZETTO DELLO SPORT DI BRUCOLI

Augusta| 106 MIGRANTI, MINORI NON ACCOMPAGNATI, DA IERI SERA OSPITI DEL PALAZZETTO DELLO SPORT DI BRUCOLI
Attualità
0

A lanciare l’allarme è Mimmo Di Franco, dirigente della “Pallavolo Augusta”, che accende i riflettori sul centro sportivo di Brucoli, recentemente utilizzato per accogliere i minori non accompagnati appena sbarcati. “Qualche giorno fa – afferma Di Franco – insieme al direttore sportivo Nuccio Solano, dirigente regionale del CONI, siamo stati ricevuti dal commissario Puglisi, al quale abbiamo esposto perplessità in merito l’utilizzo della struttura sportiva, inidonea alla ricezione di tante persone. Inoltre, questo provvedimento compromette la regolarità di 13 campionati di under femminili e maschili e le squadre maggiori di serie C femminile e serie B nazionale maschile. La nostra società – ribadisce – vanta un notevole curriculum a livello regionale: siamo la seconda città in Sicilia per titoli sportivi. Tuttavia, nonostante le assicurazioni circa la possibilità di terminare gli allenamenti, le atlete sono state interrotte dal personale del Comune e della Protezione civile per la sistemazione delle brande, con le bambine in lacrime all’uscita dalla palestra. Augusta – conclude Di Franco – non è in grado di assorbire questa ondata di immigrazione. Inoltre è necessario bloccare questa povera gente nei propri confini e dare asilo a coloro che hanno davvero bisogno e a chi ha i requisiti”.

Nel frattempo qualcuno comincia a muoversi: sono i genitori degli atleti della Pallavolo Augusta, che stanno preparando una manifestazione, per il prossimo 25 marzo, a difesa delle uniche strutture sportive esistenti ad Augusta, con un corteo che partirà alle ore 10,00 da piazza Castello per poi raggiungere piazza Duomo attraversando via Principe Umberto.

In una città attanagliata da diversi problemi di varia natura, finanziaria e non solo, le strutture sportive rappresentano dei luoghi di socializzazione, con fini salutistici, formativi, ricreativi, di confronto leale, agonismo, sacrifici: privarla dello sport e le relative strutture significherebbe spegnere le speranze dei giovani e togliere loro la possibilità di guardare al futuro.

(Federico Tringali)

Visualizzazioni: 390

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com