breaking news

“SINDACO, O I SOLDI O IL LAVORO”

3 aprile 2014 | by Rosa Tomarchio
“SINDACO, O I SOLDI O IL LAVORO”
Cronaca
0

Adesso la misura è veramente colma. Occorre trovare subito una soluzione al problema. Perchè è diventato un problema allarmante, vero, quello dei sindaci lasciati soli. Sindaci abbandonati all’ira, spesso follia, dei cittadini disperati perche senza lavoro, senza mangiare, senza casa, senza dignità. Ci si chieda perche debbano essere i sindaci, specie deipiccoli comuni, ad ergersi come scudo dello Stato, della Regione, dei poteri centrali. Perche devono essere i sindaci intesi erroneamente i veri carnefici dei cittadini? La misura è colma, ripetiamo. Non c’è più tempo, ogni attesa è ingiustificata. E tre. Terzo tentativo di intimidazione nei confronti del sindaco di Avola, Luca Cannata che stamane all’ingresso del Palazzo di Città è stato avvicinato da un uomo minaccioso. Voleva soldi o lavoro. Un quarantenne che aveva chiesto in passato sussidi e lavoro. Cannata pare lo avesse già incontrato nei giorni scorsi e aveva avviato l’iter per una borsa lavoro con i servizi sociali. “Purtroppp c’è troppa disperazione – afferma Luca Cannata – ma io ho deciso di stare in mezzo alla gente. Ma in questo momento è molto difficile perchè c’è troppa e credono che il sindaco possa risolvere tutti i problemi. Sono comunque sereno, Mollare? Mai”. Attorno al sindaco di Avola ancora una volta una grande catena di solidarietà proveniente anche dai colleghi degli altri comuni siciliani e della provincia siracusana, tra questi il sindaco di Floridia Orazio Scalorino vittima la scorsa settimana di un gesto intimidatorio. Le bugie non aiutano di certo i sindaci. Erroneamente, circola voce che il Comune di Avola sia sull’orlo del default. Cannata domani sarà a Roma alla ricerca di una strada per risolvere i problemi di liquidità. 

 

Visualizzazioni: 45

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com