breaking news

IMMIGRATI: PRESUNTI SCAFISTI FERMATI DURANTE LO SBARCO DI IERI SERA

IMMIGRATI: PRESUNTI SCAFISTI FERMATI DURANTE LO SBARCO DI IERI SERA
Cronaca
0

Nella giornata dell’8 aprile scorso, nell’ambito dell’Operazione “MARE NOSTRUM”, la Nave della Marina Militare Italiana, S. GIORGIO che è la nave Ammiraglia dell’operazione MARE NOSTRUM diretta dal Comgrupnav 29 (Comando gruppo Navale) intercettava a circa 200 miglia a sud delle coste dell’Isola di Lampedusa, ben 14 natanti di vario tipo, gommoni e piccole barche in legno. In gergo vengono chiamati “target”.

Erano tutti carichi di migranti, con donne e bambini con una rilevante presenza a bordo di neonati, diretti verso le coste Italiane. Tutti i natanti erano in precarie condizioni di navigabilità, privi di bandiera e di sigla di identificazione.

In considerazione dell’elevato numero di persone da soccorrere, sono stati dirottati in zona, da parte del Comando Generale delle Capitanerie di Porto, anche due navi mercantili e unità della Guardia Costiera in supporto delle Navi della Marina. Le unità navali operanti, una volta raggiunti i natanti, procedevano al recupero dei migranti, che nel pomeriggio del 9 Aprile sono stati accompagnati nel porto commerciale di Augusta (SR).

In totale la Nave S. Giorgio ha recuperato ben 1067 persone che sono state accompagnate al Porto Commerciale di Augusta giorno 9 Aprile.

Immediatamente si sono attivate le indagini da parte del G.I.C.I.C., sin dal momento in cui sono stati intercettati tutti i natanti . E’ stato attivato lo staff del COMGRUPNAV 29 e le indagini sono proseguite a bordo della Nave della Marina una volta ormeggiata.

E’ iniziata immediatamente l’escussione dei testi con la raccolta di ogni elemento investigativo fornito dai militari delle due unità navali (schede di identificazione, album fotografici, dati dei sopralluoghi effettuati a bordo del peschereccio, filmati e foto, oggetti in possesso dei migranti), unitamente a personale specializzato della Polizia di Stato dell’Ufficio di Frontiera Marittima di Siracusa, della Compagnia della Guardia di Finanza e della Compagnia dei Carabinieri di Augusta, della Guardia Costiera di Augusta, della Marina Militare e dell’Agenzia delle Dogane, permettevano di individuare ben quattro responsabili traghettarori/scafisti di nazionalità somala, che avevano organizzato ed effettuato la traversata dalle coste libiche a quelle italiane.

L’operazione è il risultato di un acclarato livello investigativo che è stato posto in essere dal G.I.C.I.C. Questo, si aggiunge alle numerose altre attività di contrasto al grave fenomeno dell’immigrazione clandestina già avviate e portate a compimento.

 

Visualizzazioni: 91

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com