breaking news

POTENZIARE SPARS E CONTROLLI SANITARI

20 aprile 2014 | by Rosa Tomarchio
POTENZIARE SPARS E CONTROLLI SANITARI
Cronaca
0

C’era anche la deputata nazionale Sofia Amoddio a comporre la delegazione parlamentare alla Conferenza Stato- Regioni in ordine al tema immigrazione che si è tenuta a Roma. La deputata siracusana ha giudicato positivamente l’esito dei lavori con l’obiettivo di individuare una tempestiva soluzione al fenomeno degli sbarchi sulle coste delle regioni del sud e della Sicilia. La Conferenza ha analizzato le ragioni e le problematiche legate al fenomeno migratorio, con speciale riguardo a quelle connesse all’emergenza in atto, legata alla stagione estiva in arrivo. “Oggi, più che in passato,- ha affermato Amoddio – è necessario chiamare tutta l’Europa all’assunzione delle proprie responsabilità ed a condividere le soluzioni al problema: bene, dunque, che il tema sia messo al centro del semestre di presidenza italiana del Consiglio Europeo. Nell’attuale contingenza che vive il nostro Paese urge l’avvio di un processo organico e sistemico di accoglienza, che tuteli i diritti dei migranti, senza che questi contraddicano le esigenze di sicurezza dei cittadini italiani o mettano in difficoltà i bilanci di Regioni e Comuni. Mi trovo d’accordo con la proposta emersa in sede di Conferenza di istituire e istituzionalizzare un sistema di immediata accoglienza capace di far fronte alle prime e fondamentali necessità dei migranti, compreso lo screening e l’assistenza sanitaria e l’identificazione dei migranti, in particolare dei minori stranieri non accompagnati che sono i più esposti a rischi di ogni genere. Condivido inoltre la proposta di potenziare il sistema SPRAR ampliando il numero dei posti a disposizione di quanti hanno diritto allo status di rifugiato. È urgentissimo intervenire con strumenti unici, sia economici che organizzativi per garantire accoglienza e servizi agli minori che, essendo protetti dalla Convenzione ONU in ragione dell’età, hanno diritto a una speciale tutela. Le proposte emerse dai lavori della Conferenza e la piena disponibilità del Governo a recepirle mettendo a disposizione le risorse necessarie, trovano anche il mio sostegno. Tuttavia, per la sua particolare e contingente criticità, la situazione impone al governo di intervenire con maggiore urgenza. Bisogna subito fare in modo che le azioni programmate si concretizzino al più presto e non venga lasciato trascorrere altro tempo prima di attivare un almeno parziale piano di ricollocazione dei migranti già presenti nel nostro territorio”.

 

Visualizzazioni: 26

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com