breaking news

OK DELLA REGIONE ALL’L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA

10 maggio 2014 | by Rosa Tomarchio
OK DELLA REGIONE ALL’L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA
Cronaca
0

«I finanziamenti per l’innovazione tecnologica nelle scuole non sono più in pericolo: la problematica è stata risolta». A comunicarlo è il deputato regionale Bruno Marziano, presidente della Terza commissione “Attività produttive” dell’Assemblea regionale siciliana, che si è occupato dell’accelerazione dell’iter per le gare di appalto relative al bando PON FESR “Ambienti per l’apprendimento” a cui hanno partecipato diverse scuole siciliane, ottenendo l’autorizzazione alla realizzazione di progetti per una somma pro capite di circa 75 mila euro. E lo ha fatto con una interrogazione e con un intervento diretto nei confronti dell’assessore alla Pubblica istruzione, Nelli Scilabra. A seguito delle autorizzazioni le scuole hanno provveduto ad indire bandi pubblici di gara per l’acquisizione delle attrezzature previste, adottando quale criterio di scelta del contraente quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa e selezionando commissari tra i funzionari delle stazioni appaltanti e non mediante sorteggio pubblico tra gli iscritti all’albo regionale Urega, l’Ufficio regionale per le gare d’appalto, come prevede la normativa regionale. Così sono stati sollevati vizi di legittimità riguardanti la composizione del seggio di gara e le scuole hanno chiesto chiarimenti al Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca. Il Miur ha scritto alla Regione dando ragione ai criteri utilizzati dalle scuole e chiedendo l’adeguamento. E la Regione non aveva ancora fornito alcuna risposta e le scuole, tenute a rendicontare entro il 31 maggio 2014 le somme effettivamente impegnate, rischiavano di perdere i finanziamenti e quindi l’opportunità di ampliare le proprie dotazioni tecnologiche per la didattica. «La problematica – ha dichiarato il deputato regionale, Bruno Marziano – è stata risolta. L’assessorato regionale, infatti, ha riconosciuto pertinenti le posizioni del ministero ed i finanziamenti non sono più in pericolo. Penso di poter dire con soddisfazione che l’intervento su questa vicenda ha determinato la soluzione di un problema delicato per decine e decine di scuole siciliane».

 

Visualizzazioni: 16

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com