breaking news

ALTRI CENTO BAMBINI DA ACCOGLIERE di Rosa Tomarchio

21 maggio 2014 | by Rosa Tomarchio
ALTRI CENTO BAMBINI DA ACCOGLIERE di Rosa Tomarchio
Cronaca
0

Altri cento bambini da accogliere, e insieme a loro altri 300 donne e uomini da accogliere e sostenere dopo una lunga traversata in mare, l’ennesima di una serie infinita che sembra non voler conoscere tregua. Il dramma umano si consuma sotto gli occhi di tutti e tutti siamo impreparati. E’ cresciuta l’esperienza delle forze dell’ordine, ora Interforze – Mare Nostrum, di pari passo è cambiata anche la giudirisprudenza che regolamenta l’immigrazione clandestina. I soccorsi umanitari aumentano con altre cento, mille braccia di volontari e volontarie. Anche i medici si danno un gran da fare con Emergency. E la politica? E’ l’unica impreparata, in un anno non è riuscita a maturare l’esperienza condotta. L’anno scorso era l’anno zero e la scusante poteva reggere. Ma adesso Siracusa e la sua provincia dovrebbero essere già pronte al grosso evento. Perchè con l’approssimarsi della bella stagione, arriveranno altri 100, 1000 bambini da sfamare e tutelare, altre 300, 3000 donne e uomini da accogliere nella maniera più dignitoda possibile. Una storia già vissuta. E che si ripete domattina quando al porto di Augusta toccheranno terra ferma gli oltre cento bambini soccorsi nell’ultimo intervento della Marina Militare nell’ambito dell’operazione Mare Nostrum a sud di Capo Passero, in Sicilia. In tutto sono stati tratti in salvo quasi 500 migranti da due barconi che portavano a bordo 133 minori e 64 donne. L’intervento era iniziato già lunedì, dopo che ”l’elicottero di bordo della fregata Grecale ha localizzato a sud di Capo Passero due imbarcazioni di legno con numerosi migranti a bordo. Uno dei due natanti per una avaria era trainato dall’altro”. Secondo Save the Children, i 500 migranti sono in grandissima maggioranza siriani. I minori, per lo più bambini, erano quasi tutti sullo stesso barcone. Si tratta, sottolinea l’organizzazione che è presente in Sicilia nei luoghi degli sbarchi, di bambini accompagnati dalle famiglie, come avviene sempre nel caso di profughi siriani. ”La mancanza di dotazioni di sicurezza e le proibitive condizioni del mare hanno portato all’intervento – riferisce la Marina Militare – con la distribuzione dei salvagenti e all’inizio del trasbordo dei migranti a bordo della fregata Grecale e del pattugliatore Foscari intervenuto in assistenza. Le operazioni sono continuate durante tutta la notte, grazie anche all’assistenza fornita da alcune navi mercantili, fino all’imbarco sulle navi della Marina dando precedenza alle donne e ai numerosi bambini. Visto il peggiorare delle condizioni del mare, già proibitive, per la sicurezza del personale e dei migranti durante la notte si è deciso di fermare le operazioni di trasbordo nell’attesa di un miglioramento meteo. Le navi della Marina Militare sono rimaste in prossimità dei natanti e oggi completeranno l’imbarco dei migranti”. Chi sono i nuovi ospiti? Sono siriani e arrivano dalla coste della Libia e dell’Egitto. Con le condizioni metomarine favorevoli ne giungeranno molti altri visto che il paese Libia non ce la fa più a contenere tutti i rifuggiati politici e che la guerra non acenna a finire. Siracusa si deve preparare a questa nuova ondata inevitabile di profughi. Grande assente è l’Europa che tarda con lo stanziamento dei fondi per l’operazione Mare Nostrum. Europa che forse dimentica che anche la Sicilia è Comuntà Europea, oltre che essere baluardo europeo coi i paesi del Mediterraneo e, soprattutto, paese civile e dell’umanità visto che i paesi nord europei hanno completamente bandito il termine “accoglienza” e “immigrati” dal loro vocabolario.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

 

Visualizzazioni: 149

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com