breaking news

ARCHITETTURA ALLA BIENNALE DI VENEZIA

27 maggio 2014 | by Rosa Tomarchio
ARCHITETTURA ALLA BIENNALE DI VENEZIA
Cultura
0

Domani mercoledì 28 maggio alle ore 11.30 si terrà la conferenza stampa nella sala convegni della Scuola di Didattica Speciale di Architettura di Piazza Federico di Svevia per l’annuncio della presenza della Facoltà di Architettura di Siracusa alla Biennale di Venezia. Sarà presente per l’occasione il rettore dell’Ateneo Catanese, prof. Giacomo Pignataro. Previsti gli interventi del presidente del Consorzio Universitario Archimede, Roberto Meloni; il presidente della SdS Architettura Bruno Messina. Introdurrà il prof. Marco Navarra, responsabile del progetto “AIR FUNDAMENTAL collision between in?atable and architecture!” con cui la Facoltà di Architettura si proporrà dal 4 all’8 giugno dalle 10.00 alle 20.00 presso il padiglione Modelli dello spazio Thetis, all’Arsenale nella realizzazione di un’architettura pneumatica . Vernissage: 5-6 giugno. La Scuola di Architettura è insediata in un ex-caserma posta nell’estrema punta meridionale dell’isola di Ortigia accanto al Castello Maniace a Siracusa. L’obiettivo principale della Scuola è quello di formare architetti attraverso l’esercizio del progetto sul campo. L’architettura è intesa come disciplina di pensiero che, attraverso la pratica dei suoi strumenti, permette contemporaneamente di conoscere e trasformare il mondo. Con questa impostazione si punta a formare soggetti dotati di strumenti e di un metodo critico che permettano loro di de?nire con elasticità e appropriatezza la propria individuale ?gura professionale. L’educazione al progetto di architettura sarà pertanto fondata sull’ibridazioni di saperi e tecniche connesse alle ricerche più avanzate. Al consueto percorso curriculare sono af?ancati laboratori interdisciplinari dove si impara facendo. In questo modo la pratica si trasforma in un avanzamento teorico e una sperimentazione su questioni inesplorate. L’offerta didattica e le attività culturale è ?nalizzata alla costruzione di un atmosfera ideale per una formazione aperta e sensibile ad un ampio ventaglio di stimoli. Il palinsesto millenario di Siracusa e delle otto città del Val di Noto (Caltagirone, Militello Val di Catania, Catania, Modica, Noto, Palazzolo, Ragusa Ibla e Scicli) incluse nella World Heritage List e i territori contraddittori e complessi della Sicilia contemporanea costituiscono un laboratorio su cui la scuola esercita i suoi strumenti didattici e di ricerca.

 

Visualizzazioni: 87

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com