breaking news

Lentini| Città Resiliente: quattro incontri per rileggere il territorio

28 Aprile 2016 | by Silvio Breci
Lentini| Città Resiliente: quattro incontri per rileggere il territorio
Cultura
0
Ideata da Giuseppe Sanfilippo e Nuccia Tronco, l’iniziativa prenderà il via il 5 maggio. Un laboratorio di ri-lettura del palinsesto urbano e di valorizzazione di pratiche di resilienza. Quattro incontri, quattro parole chiave: identità, bellezza, beni comuni, natura.

«Città Resiliente»: è la nuova iniziativa promossa dalla biblioteca civica “Riccardo da Lentini” che prenderà il via il 5 maggio per concludersi il 26 e che sarà articolata in quattro incontri. Si tratta di un laboratorio di ri-lettura del palinsesto urbano e di valorizzazione di pratiche di resilienza, ideato da Giuseppe Sanfilippo e Nuccia Tronco. Un format studiato per leggere da più angolazioni, da diversi punti di vista, il territorio. Un luogo fisico dove si incontrano varie anime in un dialogo sempre diverso e a più voci. «La parola resilienza – come spiegano Giuseppe Sanfilippo e Nuccia Tronco – deriva dal latino resilire, cioè saltare indietro, ritornare in fretta. La resilienza è quella capacità che ha ogni corpo di riassumere la forma iniziale dopo una serie di urti improvvisi o di accadimenti che hanno scosso fortemente la conformazione iniziale. È la pratica di sapersi adattare con la forza della ragione ai cataclismi della storia. È un patrimonio comune a ogni essere, capace di resistere alle avversità della vita senza perdere le proprie caratteristiche originarie, e di superarle uscendone rinforzato o addirittura trasformato». Quattro gli incontri in programma che si terranno nei locali della biblioteca nelle giornate del 5, 13, 19 e 26 maggio. Il format comprende due spazi principali: “letture incrociate” e “finestra sul futuro”. “Letture incrociate” è uno spazio di lettura in cui testi di autori del territorio incontrano testi di autori classici. “Finestra sul futuro” è uno spazio di illustrazione di progettualità che interessano la città e il territorio. Tra i due spazi l’intermezzo narrativo-musicale “città dei poeti”, cui segue il dibattito. Ognuno dei quattro incontri avrà una parola chiave della resilienza: identità, bellezza, beni comuni, natura. Testi-guida e filo rosso del format saranno “Le città invisibili” di Italo Calvino e “Una storia semplice” di Leonardo Sciascia. Alla realizzazione del format collaboreranno gli scrittori Antonino Risuglia, Alfio Aurora, Alfio Siracusano e Maria Nivea Zagarella, gli architetti Luca Maci e Domenico Zagami, le associazioni culturali Trekking Leontino e Simphonia, il professore Salvatore Chiarenza, i maestri Giuseppe Bordonaro e Franco Condorelli, la professoressa Katia Battiato, la cantante Emanuela Ruma. Primo appuntamento il 5 maggio, alle 18.30. Prima parola chiave: identità. “Letture incrociate” di Antonino Risuglia e “Finestra sul futuro” di Luca Maci. Coordinerà Nuccia Tronco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com