breaking news

Augusta| L’Anaao Assomed vuole chiarezza sulla elisuperfice del Muscatello

21 Giugno 2016 | by Sebastiano Salemi
Augusta| L’Anaao Assomed vuole chiarezza sulla elisuperfice del Muscatello
Sanità
0
Chiesta alla direzione dell’Asp 8 copia degli atti. Quella del nosocomio megarese è l’unica operativa nel triangolo industriale ma non è abilitata per i voli notturno.

pizap.com14665045922551Con nota inviata il 16 giugno 2016 l’Organizzazione sindacale Anaao Assomed ha richiesto al Direttore Generale dell’ASP di Siracusa il rilascio di una copia degli atti relativi al completamento dell’elisuperficie dell’Ospedale Muscatello di Augusta. Nella nota viene stigmatizzato che il protrarsi dei tempi per il completamento dell’elisuperficie, con conseguente impossibilità di utilizzarla nelle ore serali e notturne, è causa di potenziali danni per i pazienti che necessitano di immediato trasferimento verso altre strutture sanitarie idonee ad effettuare i trattamenti terapeutici necessari (ad esempio pazienti con gravi traumi cranici, lesioni midollari, fratture di bacino, ecc.). In tali pazienti l’allungamento dei percorsi e il trasporto con ambulanza possono condizionare negativamente l’esito del trattamento terapeutico, determinare conseguenze gravi ed irreparabili, esporre l’Azienda e gli stessi dirigenti medici ad azioni di rivalsa per i danni conseguenti. Quella dell’Ospedale di Augusta è l’unica elisuperficie presente nel territorio di Augusta-Melilli-Priolo Gargallo e viene utilizzata, oltre che nei casi di emergenze sanitarie, anche per esigenze di Protezione Civile e di Ordine Pubblico. Realizzata nel 2002 (i lavori sono iniziati il 27/06/2002 e completati il 27/12/2002),  inaugurata in data 08/05/2003 con prove tecniche di atterraggio eseguite da un elicottero del Servizio di soccorso aereo, è agibile solo nelle ore diurne in quanto i dispositivi tecnici di illuminazione, indispensabili per il volo notturno, non sono stati ultimati per deficienza di fondi. Il completamento dell’elisuperficie di Augusta rientra nel Programma Operativo Fesr 2007/2013, approvato con Delibera della Giunta Regionale di Governo n° 4 del 14 Gennaio 2011, che prevede, per il completamento dell’opera, un finanziamento di 150.000 Euro. Preliminarmente al progetto esecutivo per il completamento dei lavori,  funzionari del Servizio Ricostruzione hanno effettuato dei sopralluoghi al fine di verificare la possibilità di adeguamento della pista esistente alle prescrizioni della normativa vigente relativa alle elisuperfici con operatività h24 e  ipotizzato lo spostamento della pista dall’attuale ubicazione alla strada adiacente oggi utilizzata per l’ingresso ai parcheggi. Successivamente, in data 21 marzo 2014, è stato effettuato un sopralluogo al quale hanno partecipato l’Ingegnere dell’Ente Nazionale Aviazione Civile responsabile per il rilascio dell’autorizzazione all’utilizzazione notturna dell’elisuperficie, l’Ing. Sebastiano Cantarella e l’Ing. Rosario Breci dell’Ufficio Tecnico dell’A.S.P., il Dott. Paolo Bordonaro della Direzione Sanitaria del Presidio Ospedaliero di Augusta, due dirigenti incaricati dal Commissario Straordinario dell’A.S.P. di Siracusa. Dopo avere preso visione dell’elisupeficie, ispezionato attentamente l’area circostante ed acquisito documentazione fotografica, l’Ingegnere dell’E.N.A.C. esprimeva il parere che, completando la dotazione impiantistica e procedendo alla rimozione di alcuni alberi posti a nord-est della rete di recinzione dell’elisuperficie su terreno dell’A.S.P., non esistono, in linea di massima, impedimenti, alla concessione dell’autorizzazione dell’E.N.A.C. al volo notturno. Precisava, inoltre, che i  lavori di completamento potrebbero essere eseguiti in breve tempo e con una spesa modesta. Dal 21 marzo 2014 ad oggi non risulta che l’Azienda Sanitaria Provinciale di Siracusa abbia adottato alcun atto relativo alla procedura di completamento dell’elisuperficie. Ciò, nonostante i reiterati solleciti da parte del personale sanitario in servizio presso l’Ospedale di Augusta, oltre che delle Organizzazioni Sindacali, che hanno segnalato alla Direzione Generale dell’ASP le conseguenze negative derivanti dall’impossibilità di utilizzare l’elisuperficie nelle ore notturne in caso di emergenze sanitarie che richiedono un immediato trasferimento del paziente.

Al Dott

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com