breaking news

Siracusa| Una petizione contro il femminicidio

8 Febbraio 2017 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Una petizione contro il femminicidio
Attualità
0

Incontro mercoledì 15 in via Brenta con la Rete Cav e il Corriere delle Donne su dati drammatici: “Nel nostro paese il 70% delle donne che ripetutamente denunciano il loro maltrattante/stalker, finiscono barbaramente uccise, e non bastasse, ai maltrattanti e ai femmincidi vengono comminate pene ben al di sotto della gravità del reato, e a volte ai limiti dell’impunità”.

Anche la Rete cav e il Corriere delle Donne aderiscono alla petizione contro il femminicidio su scala nazionale e promuovono un pubblico incontro mercoledì 15 alle ore 18 nella Sala Rossa di via Brenta, 67/69 aperto alla cittadinanza. L’evento sarà introdotto dalla Presidente della Rete avv. Daniela La Runa. A seguire, illustreranno la petizione la dott.ssa Assunta Strano e l’avvocata Loredana Battaglia. Sarà dato spazio alle domande del pubblico. Era il 1999 quando l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite proclama il 25 novembre Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. La data fu scelta da un gruppo di femministe riunitesi a Bogotà del 1981.

Da allora ogni 25 novembre tutti  proclamano il proprio impegno contro la violenza sulle donne. Ma la violenza sulle donne continua, i femminicidi continuano, le efferatezze continuano e così pure la discriminazione, la disparità e la crudeltà. Non soltanto in Italia, naturalmente, ma con la differenza, peggiorativa, che nel nostro paese il 70% delle donne che ripetutamente denunciano il loro maltrattante/stalker, finiscono barbaramente uccise, e non bastasse, ai maltrattanti e ai femmincidi vengono comminate pene ben al di sotto della gravità del reato, e a volte ai limiti dell’impunità.

Da qui nasce la petizione del Movimento V.I.V.I. (Vincere Insieme Violenza e Ingiustizia) fondato dalla dott.ssa Assunta Strano al precipuo scopo di sottoporre alle massime autorità governative, alcune modifiche di legge affinché le donne siano meglio tutelate e il fenomeno del femminicidio sia adeguatamente punito e concretamente arginato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com