breaking news

Carlentini| Conferenza nel ricordo di Gaetano Failla a tre anni dalla sua prematura scomparsa

20 aprile 2017 | by Silvio Breci
Carlentini| Conferenza nel ricordo di Gaetano Failla a tre anni dalla sua prematura scomparsa
Cultura
0

Medico, fu appassionato cultore di storia, archeologica, arte e poesia. Fondatore dell’Archeoclub e ispettore onorario per il territorio di Carlentini e il parco archeologico di Leontinoi, scrisse diversi saggi e volumi di poesie.

banne 300 x250 vogue. 2gif“Carlentini negli scritti di Gaetano Failla”. Sarà il tema di una conferenza promossa dall’Archeoclub di Carlentini, in programma domani, alle 18.30, nella “Casa della cultura e delle arti” di piazza Cavallotti. Nato nel 1944, Gaetano Failla unì infatti alla professione medica la passione per la storia, l’archeologica, l’arte e la poesia. Ormai prossimo alla pensione, si spense improvvisamente il 24 febbraio 2014, all’età di 69 anni, stroncato da un infarto mentre all’interno del proprio ambulatorio medico, in via Roma, visitava una paziente.

I relatori. A poco più di tre anni dalla scomparsa, a ricordarne la figura e a presentare i tratti distintivi del suo profilo culturale e umano saranno il prof. Gaetano Gimmillaro, la prof.ssa Adriana Battaglia, moglie del compianto Failla, e il prof. Alfredo Sgroi, attuale presidente dell’Archeoclub.

350X250METRO QUADROGli scritti. Failla, che fu anche sindaco di Carlentini, scrisse diversi saggi storici e alcune raccolte di poesie. Suoi i saggi “Fossili di Sicilia. Testimoni di pietra” (1986), “Ex magno et quadrato lapide. L’abbazia di Santa Maria di Roccadia e la basilica del Murgo” (1995) e “Quattro passi a Carlentini” (2001). Suoi anche i volumi di poesie “Ali alate del mio pensiero”, “Carlentini immagini e rime” e “La certezza delle assenze” (1997), “Vita tremula. I racconti dell’aia” (2001) e “Le ossa della terra” (2002), l’opera teatrale “Gorgia leontino. Nascita e mito” (2002) e il romanzo “Il destino di una sola notte” (2012). Medico specializzato in patologia cervico-facciale e otorinolaringoiatria, Failla fu inoltre ispettore onorario per il territorio di Carlentini e il parco archeologico di Leontinoi e fondatore e primo presidente dell’Archeoclub di Carlentini, oggi a lui intitolato.

© Riproduzione riservata

ZARBANO 650

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *