breaking news

Carlentini| La Guardia di Finanza individua una piantagione di marijuana “skunk” di oltre mezzo quintale

Carlentini| La Guardia di Finanza individua una piantagione di marijuana “skunk” di oltre mezzo quintale
Cronaca
0

Arrestato lentinese di 47 anni responsabile delle attività illecite.

Continua, senza sosta, l’impegno dalla Guardia di Finanza di Siracusa nel settore del contrasto della coltivazione, dello spaccio e dell’uso di sostanze stupefacenti. Nel corso dell’attività di controllo del territorio, i militari della Tenenza di Lentini hanno acquisito informazioni ed elementi utili al fine di individuare una cospicua piantagione di marijuana.

Nel dettaglio, a seguito di ulteriori approfondimenti investigativi, le Fiamme Gialle lentinesi sono riuscite ad individuare un appezzamento di terreno, con annessa abitazione, adibito all’illecita coltivazione di piante di canapa indiana. Grazie a mirati appostamenti, inoltre, i militari hanno individuato anche il responsabile delle attività illecite – M.P., lentinese di 47 anni. Pertanto, alla luce degli elementi acquisiti, è stata, d’iniziativa, eseguita una mirata perquisizione che ha consentito di rinvenire e sottoporre a sequestro 48 piante di marijuana del tipo “skunk”, nota per l’alto tasso di principio attivo contenuto, dell’altezza media superiore a 2 metri ed avente un peso complessivo di oltre mezzo quintale.

Le piante erano state abilmente occultate tra altra vegetazione e le mura di cinta dell’abitazione, nonostante fosse stato predisposto un ingegnoso sistema di irrigazione. Al termine della perquisizione, inoltre, i militari della Guardia di Finanza hanno rinvenuto, pronto per la vendita sul mercato, ulteriori 800 grammi di sostanza stupefacente con annesso bilancino di precisione per la porzionatura.

Per il responsabile sono, dunque, scattate le manette per il delitto previsto e punito dall’articolo 73 del D.P.R. 309/90 ed è stato posto agli arresti domiciliari a disposizione della Procura della Repubblica di Siracusa.

L’attività di servizio testimonia, ancora una volta, l’attenzione e l’impegno posto dal Corpo nell’ambito del concorso alla sicurezza interna ed esterna del Paese con particolare riferimento alla prevenzione ed al contrasto dei traffici illeciti fra i quali la produzione, lo spaccio ed il traffico delle sostanze stupefacenti, soprattutto in questo periodo che trova, per le favorevoli condizioni climatiche, la maggiore operatività della coltivazione di marijuana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *