breaking news

Priolo Gargallo| Ventenne coltiva droga in casa. Arrestato dai carabinieri

16 settembre 2017 | by Redazione Webmarte
Priolo Gargallo| Ventenne coltiva droga in casa. Arrestato dai carabinieri
Cronaca
0

Nell’arco della giornata scorsa, i Carabinieri della Stazione di Priolo Gargallo, nell’ambito di un mirato e specifico servizio finalizzato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno tratto in arresto, Gattuso Augusto, classe 1997, siracusano, disoccupato e con precedenti specifici.

Gattuso Augusto

Gattuso Augusto

I militari dell’Arma con l’ausilio delle unità cinofili del Comando Aeronautica di Sigonella (CT), a seguito di un’accurata e minuziosa perquisizione effettuata all’interno della sua abitazione, hanno potuto rinvenire un ingente quantitativo di sostanza stupefacente. Nello specifico, è stata rinvenuta all’interno della fodera di una giacca, una busta in cellophane contenente 25 grammi di marijuana, un bilancino elettrico di precisione e un coltello lungo 40 cm tipo “Rambo” rinvenuto in un armadio della camera da letto.

Nella parte esterna dell’abitazione, invece, il prezioso apporto della unità cinofila, ha consentito di rinvenire ulteriori 5 grammi della stessa sostanza all’interno di uno scooter dismesso ed in particolare nello stesso giardino, il Gattuso coltivava due piante di marijuana alte rispettivamente 100 e 30 cm, anch’esse sottoposte a sequestro.

Nel corso della perquisizione, grazie anche alle informazione in precedenza raccolte dai militari dell’Arma, gli stessi con l’ausilio del personale tecnico dell’ENEL, hanno accertato una manomissione del contatore della casa dell’energia elettrica che di fatto rilevava solo il 50% del consumo effettivo. Il misuratore quindi, così come da disposizione normativa, è stato acquisito dal personale dell’ENEL per ulteriori verifiche tecniche.

Il Gattuso, accompagnato presso i locali della Stazione Carabinieri di Priolo, dopo le incombenze di rito, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Siracusa, è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com