breaking news

Melilli| Elezioni comunali 2017 – Peppe Carta confermato sindaco -Video

Melilli| Elezioni comunali 2017 – Peppe Carta confermato sindaco<span class='video_title_tag'> -Video</span>
Senza categoria
0

Il Tar Catania dichiara inammissibile il ricorso di Pippo Sorbello – Pubblicato il dispositivo – A giorni le motivazioni – Sorbello: tra venti giorni, dopo i motivi del TAR, ricorreremo al CGA.

Sorbello e Amato

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia – Sezione staccata di Catania ha confermato Peppe Carta, difeso dall’avv. Salvatore Virzì, alla poltrona di Sindaco di Melilli. Con il dispositivo di sentenza n. 02314/2017 (leggi qui) il Tar CT (Presidente Pancrazio Maria Savasta, consigliere Giuseppa Leggio e consigliere estensore Maria Stella Boscarino) ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dal Prof. Avv. Daniel Amato nell’interesse dell’ex Sindaco nonché attuale deputato regionale Pippo Sorbello, sconfitto – ricordiamo – per solo 8 voti nella tornata elettorale amministrativa svoltasi nel Giugno scorso.

Il ricorso dell’ex Primo Cittadino melillese Pippo Sorbello, se da una parte mirava all’annullamento del verbale di proclamazione dell’elezione alla carica di Sindaco del 14.06.2017, nonché di tutti gli atti presupposti, connessi e consequenziali dall’altra aveva come scopo principale la correzione del risultato elettorale previa verifica dei verbali e riconteggio delle schede elettorali.

clicca per leggere il dispositivo

Dalla semplice lettura del dispositivo pubblicato nel primo pomeriggio di oggi sembrerebbe che il Tribunale Amministrativo non sia entrato nel merito ma si sia fermato a valutare le eventuali eccezioni preliminari presentate dalla difesa. Al di là comunque delle ipotesi, è chiaro che per capire le ragioni che stanno alla base della decisione del Tribunale Amministrativo che ha “stroncato” sul nascere le legittime aspettative del ricorrente Sorbello bisognerà attendere le motivazioni che saranno pubblicate nei prossimi giorni.

Sulla vicenda solo un susseguirsi di strumentalizzazioni, macchina del fango attivata fin da subito e perpetrata con il solo pretesto di delegittimare e denigrare l’Amministrazione che mi onoro di rappresentare. Insomma, TANTO RUMORE PER NULLA!!!” ha dichiarato a caldo il Sindaco Giuseppe Carta.  “Ho atteso  l’esito della sentenza del TAR continuando ad operare in questi mesi con serenità, nell’interesse della collettività senza farmi mai distrarre dalle “false” accuse formulate ad Hoc dalla controparte tendenti a distogliere lo sguardo verso le reali problematiche che interessano il nostro Comune. Ho atteso – prosegue Carta – fiducioso  consapevole della professionalità dei legali che ci hanno assistito e ho sempre potuto contare sulla serietà della Giunta e della maggioranza del Consiglio Comunale che mi hanno sempre appoggiato e sostenuto in questi difficili mesi. Ho sempre creduto nella Giustizia a tutti i livelli ed in tutte le sediconclude il Sindaco –  ed oggi è solo il primo di tanti risultati a cui si perverrà facendo definitivamente chiarezza su tutta questa vicenda che ha originato nel paese inutili e sterili tensioni”.

Stefano Elia

Sulla vicenda interviene anche il Vice-sindaco Stefano Elia che esorta ad andare  “…Ora avanti tutta con la buona amministrazione” mentre il Presidente del Consiglio Salvo Cannata dichiara di essere stato “… sempre convinto della regolarità delle operazioni di voto e come me tutti gli altri componenti della coalizione di “Uniti per Cambiare” invitando “…adesso tutti i cittadini e gli amministratori a chiudere questa brutta parentesi che come un’ombra ha tentato invano di oscurare la “nostra impresa” e a lavorare per il bene del territorio”.

Grossa è la delusione tra i sostenitori e candidati non eletti della lista “Ritorniamo al Futuro – Pippo Sorbello Sindaco” che speravano in un esito positivo del ricorso per ribaltare i “numeri” in consiglio comunale mentre tirano un sospiro di sollievo quelli  di “Uniti per cambiare” .

Un “brutto colpo” dunque per Pippo Sorbello, duro da assorbire, che giunge proprio in piena campagna elettorale nella quale il deputato melillese sta recitando un ruolo da protagonista per cercare di riconquistare lo scranno a Palazzo d’Orleans. Una sentenza favorevole gli avrebbe chiaramente dato una iniezione di fiducia sul piano personale e nel contempo sarebbe servita a galvanizzare i suoi sostenitori cercando di restituire al suo entourage un pò di quell’entusiasmo andato via via scemandosi dopo la “batosta” subita alle comunali.

 LE DICHIARAZIONI DEL SINDACO GIUSEPPE CARTA 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com