breaking news

Augusta| Processo “mafia e politica”. Accolte parzialmente le richieste della Procura Dda di Catania

12 ottobre 2017 | by Redazione Webmarte
Augusta| Processo “mafia e politica”. Accolte parzialmente le richieste della Procura Dda di Catania
Cronaca
0

Il tribunale dice no al “riascolto” delle intercettazioni già trascritte e depositate dai periti anni fa. Ammessi invece i files  andati perduti o non trascritti per errore.

Si è tenuta stamani al Palazzo di Giustizia di Siracusa udienza del cd. processo “Mafia e Politica” sui presunti rapporti intercorsi tra politici e criminalità organizzata. Così come programmato, il collegio presieduto dalla Dott.ssa Giuseppina Storaci ha “sciolto la riserva” sulle richieste formulate dalla Pubblica Accusa la scorsa udienza svoltasi il 21 settembre 2017.

Il Pm della DDA di CT Andrea Ursino – titolare dell’inchiesta – nel corso di quella udienza aveva  richiesto il “riascolto” di alcune intercettazioni depositate dai periti nominati dal Tribunale anni fa e risultate notevolmente difformi rispetto alle trascrizioni redatte dai carabinieri durante le indagini.  Lo stesso P.M. aveva anche chiesto che venissero ammesse in dibattimento  alcune intercettazioni ambientali e telefoniche non trascritte per errore o perché i files non erano stati rinvenuti.

Ad entrambe le  richieste si era opposto l’Avv. Francesco Favi difensore dell’ex Sindaco di Augusta Massimo Carrubba che assieme all’ex assessore ai LL.PP. Antonio Luigi Giunta risponde di concorso esterno in associazione mafiosa e voto di scambio aggravato.

Il Tribunale non ha ammesso il “riascolto” rigettando così la prima richiesta del Sostituto Procuratore Ursino mentre ha accolto la seconda istanza conferendo nuovo incarico peritale al tecnico Fabio Tinnirello che entro 60 giorni dovrà espletare il mandato trascrivendo i files di altre intercettazioni telefoniche ed ambientali.

Prossima udienza fissata per il 25 Gennaio 2018, nella quale saranno sentiti l’x candidato Sindaco nelle elezioni 2008 Generale dei Carabinieri Vincenzo Inzolia e l’ex dirigente del Comune Giuseppa Carfì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *