breaking news

Siracusa| Ex Provincia, Arnone: “O default o piano di riequilibrio”

26 ottobre 2017 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Ex Provincia, Arnone: “O default o piano di riequilibrio”
Cronaca
0

Si parla del dissesto finanziario dal giorno dell’insediamento del commissario alla ex Provincia regionale. I lavoratori senza stipendio da sei mesi, non desistono. La situazione era già grave, lo è tuttora. Quale futuro?

Crisi alla Ex Provincia. Tocca al commissario Arnone oggi fare il punto della situazione davanti alla stampa. “La Regione è intervenuta sinora con 91 milioni per tutti i Liberi Consorzi, e poi con la legge straordinaria che assegna 21 milioni e mezzo solo a certi enti che hanno criticità particolari. Di questi 21 milioni, 11 sono stati destinati al Libero Consorzio di Siracusa. Ma chiaramente con ciò non si esaurisce la criticità finanziaria che permane”.

Cosa fare adesso? “Ho dato disposizione di avviare le procedure per o per andare verso il dissesto finanziario dell’ente oppure vedere se ci sono delle condizioni tali per il riequilibrio finanziario a norma di legge”. La partecipata? Chiaramente la dichiarazione di dissesto comporta un piano di riequlibrio finanziario generale. Rivedere le spese. Quindi è possibile che Siracusa Risorse ne pianga le conseguenze”.

Quale l’antidoto. “Si dovrà fare un mutuo proiettato negli anni. Ma se non si mette mano subito al riequilibrio del prelievo forzoso non si va da nessuna parte. Neanche con la partecipata. Non è possibile che l’ottanta per cento venga prelevato dal Libero Consorzio da parte della Regione che avrebbe destinato alla sola Siracusa 11 milioni su un fondo reale di 20 milioni e mezzo circa (perchè un milione è stato accantonato). Dunque piu della metà. Inoltre, dei 25 milioni prelevati dall’assessoraro regionale da un fondo “emergenze”, sono stati destinati altri due milioni e 700 euro sempre all’ex Provincia di Siracusa. Il mandato di pagamento è in lavorazione da parte degli uffici appositi, entro oggi o domani verrà esitato, poi il passaggio in Ragioneria, Tesoreria ed entro dieci giorni le somme verranno accreditate in banca”. (r.t.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com