breaking news

Siracusa| Protesta delle zone balneari “ma residenziali!”

24 febbraio 2018 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Protesta delle zone balneari “ma residenziali!”
Cronaca
0

Stamattina non erano in tanti al Tempio di Apollo, ma abbastanza per far comprendere che Fontane Bianche, Plemmirio, Isola, Arenella, Fanusa, Ognina non sono più zone di villeggiatura di  un tempo da sei mesi l’anno e via.

Ora sono a tutti gli effetti diventate aree residenziali, frazioni, quasi piccoli comuni. E se non fosse per la vicina Cassibile, che da anni rivendica la propria autonomia e mostra con orgoglio il suo stemma municipale, molte zone balnerari sarebbero completamente dimenticate dall’amministrazione centrale.

E cosi stamattina manifestazione pacifica con slogan e bandiere dei residenti delle zone marinare: dal Plemmirio a Fontane Bianche pronti a lagnarsi a due passi dal Comune, della mancanza di servizi, di illuminazione pubblica in particolare, di sicurezza e gestione complessiva del territorio “dimenticato”. Insomma, nonostante i lavori annunciati dal Comune qualche giorno fa, relativamente ai nuovi impianti di illuminazione pubblica, i residenti delle zone a mare replicano seccati: “Sono solo sette km, cioè tre strade. E le strade principali rimangono ancora al buio. Gli impianti ci sono ma restano spenti”.

I residenti della costa sono stanchi, delusi di aspettare decenni. Ora temono seriamente per la loro incolumità. “L’ultimo episodio crimonoso è stato sventato grazie al pronto intervento dei carabinieri di Cassibile – fanno sapere – ma il numero di furti in casa anche di giorno e con persone dentro resta comunque elevato”.

E poi c’è il problema atavico della raccolta dei rifiuti urbani per il quale, dicono, si attende ancora una mossa risolutiva da parte del Comune e dell’Igm contro un degrado esasperante e che non rende affatto giustizia a un luogo cosi meraviglioso incastonato tra cielo e mare.

La casa al mare è diventato bene ambito da qualche tempo. Non a caso l’esodo dalla città è sempre più dilagante, molte persone hanno deciso persino di rinunciare alla qualità dei servizi pubblici pur di andare ad abitare in quelle meravigliose zone.

Ma ci sono troppe assenze, carenze e pressapochismo  dell’amministrazione comunale – esclama  Silvia D’Arrigo del comitato Fontane Bianche – Oggi  però voglio puntare il dito anche contro gli imprenditori ed i cittadini siracusani. Dovevano essere qui con noi a protestare, perche questa non è una lotta del singolo ma della collettività”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com