breaking news

Augusta| Punta Izzo la Procura indaga. Gli attivisti chiedono il sequestro dell’area

Augusta| Punta Izzo la Procura indaga. Gli attivisti chiedono il sequestro  dell’area
Attualità
0

La Procura indaga ufficialmente sul progetto di riattivazione del poligono di Punta Izzo. Il 28 gennaio scorso, su delega del sostituto procuratore Antonio Nicastro, gli inquirenti hanno acquisito parte della relativa documentazione dagli uffici della Soprintendenza ai Beni culturali e Ambientali di Siracusa. L’indagine è ora seguita dal magistrato Tommaso Pagano. 

A renderlo noto è la stessa Soprintendenza che in una nota ufficiale, per ragioni legate proprio all’indagine giudiziaria in corso e a un supposto segreto militare, ha negato al coordinamento Punta Izzo Possibile l’accesso al progetto di “demolizione e ricostruzione” del poligono della Marina, che prevede anche il rifacimento della strada d’accesso e la realizzazione di un piazzale sul tratto costiero. Per l’esecuzione di queste opere la Soprintendenza ha rilasciato, il 12 luglio 2013, l’autorizzazione paesaggistica alla direzione del Genio militare per la Marina di Augusta.

Nella nota della Sovrintendenza viene riferito che il progetto autorizzato «riguarda anche quei lavori di “messa in sicurezza delle infrastrutture”» dell’ex poligono, eseguiti nel febbraio 2017 e consistiti nella chiusura degli accessi principali e nella realizzazione di una recinzione di paletti metallici fissati al suolo con cemento, a poche decine di metri dalla linea di battigia. Un intervento che ha comportato anche il taglio della vegetazione cresciuta ai margini dell’area addestrativa. “Per denunciare l’incompatibilità di queste opere edilizie con il vincolo paesaggistico d’inedificabilità assoluta  e le stringenti prescrizioni di tutela a cui è soggetto il comprensorio di Punta Izzo – ricorda Gianmarco Catalano, portavoce del coordinamento  Punta Izzo Possibile  il 24 luglio del 2017 abbiamo depositato un primo esposto in Procura, integrato poi dalla documentazione ricevuta lo scorso  gennaio dal responsabile per la Trasparenza del ministero della Difesa.

Nell’attesa che gli inquirenti facciano piena luce sulla vicenda, a motivo di quanto appreso lo scorso mercoledì dalla Soprintendenza, con l’assistenza del legale Sebastiano Papandrea abbiamo presentato un nuovo esposto con cui si richiede il sequestro preventivo dell’area dell’ex poligono, appurato che l’esecuzione della “messa in sicurezza” – parte integrante del progetto di riattivazione del poligono – attesterebbe l’avvenuto inizio dei lavori di realizzazione del progetto della Marina militare. Abbiamo richiesto al Comando militare marittimo di Sicilia di chiarire se anche le indagini georadar, fatte eseguire nei mesi scorsi dal Genio militare nella medesima area, facciano parte o siano in qualche misura connesse e preordinate alla realizzazione del nuovo poligono di tiro, atteso che lo scopo dichiarato di queste indagini – come risulta dalla documentazione ufficiale – «verte nel riconoscimento di eventuali tubazioni presenti nel sottosuolo della struttura in oggetto».

Sul fronte dei ricorsi amministrativi, intanto, si attende entro maggio la decisione dell’assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana sull’annullamento dell’autorizzazione paesaggistica rilasciata dalla Soprintendenza, richiesto col ricorso gerarchico presentato dal coordinamento Punta Izzo Possibile e da  Natura Sicula.  

La Marina militare non rilascia alcuna dichiarazione in merito alla vicenda. “Chiediamo infine all’amministrazione comunale di Augusta – conclude Catalano – di far sapere quali azioni sono state intraprese o programmate, a oltre 20 giorni dalla mozione di indirizzo del Consiglio comunale che ha dato mandato di agire per scongiurare la riattivazione del poligono militare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com