breaking news

Augusta| Sciopero dei lavoratori del sistema portuale indetto per il 26 marzo dalla Filt Cgil

Augusta| Sciopero dei lavoratori del sistema portuale indetto per il 26 marzo dalla Filt Cgil
Sindacale
0

Assemblea, questa mattina, dei lavoratori del sistema portuale di Augusta e Catania. La riunione, indetta dalla Filt Cgil, è servita a fare il punto della situazione, dopo la proclamazione dello stato di agitazione del personale portuale,  che  è stato dichiarato la scorsa settimana.

“Il confronto – spiega Vera Uccello, segretario generale della Filt provinciale – è servito anche a stabilire l’opportunità di alzare l’asticella della protesta e quindi di proclamare lo sciopero”. La sindacalista, con i suoi colleghi della  Fit Cisl e UilT di Siracusa, Alessandro Valenti e Silvio Balsamo, ricorda che tutto è legato alla mancata applicazione della contrattazione di secondo livello siglata in via definitiva lo scorso 1 febbraio, frutto di un lungo lavoro che alla fine ha ottenuto la firma del presidente dell’Autorità Andrea Annunziata e del segretario, Carlo Guglielmi.  Della proclamazione di sciopero, vengono interessati la Capitanerie di Porto di Catania e Augusta, del territorio marittimo della Sicilia Orientale, e il ministero delle Infrastrutture e Trasporti, che, in questo caso, attraverso i sindaci revisori ha dato parere negativo all’applicazione della contrattazione di II livello approvata il 13 dicembre 2017 e in via definitiva il l’1 febbraio 2018.  “E’ necessario  -conclude Vera Uccello – che il ministero insieme con il  presidente dell’Adsp del mare di Sicilia orientale Andrea Annunziata, sblocchi la procedura e autorizzi l’applicazione della contrattazione. Ovvio è che se non cambierà nulla nei prossimi 10 giorni, il 26 marzo scatterà lo sciopero e i dipendenti tutti bloccheranno l’accesso dell’Adsp di Augusta”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com