breaking news

Noto| Volalibro, il racconto di Eligia e Giulia Ardita

Noto| Volalibro, il racconto di Eligia e Giulia Ardita
Attualità
0

La storia di Eligia Ardita, l’infermiera uccisa il 19 gennaio 2015 insieme con Giulia, la bimba che portava in grembo, al centro della penultima giornata di Volalibro. Si chiude oggi con la premiazione degli studenti del Festival.

Tanti, silenziosi, a tratti in lacrime, i giovani che nella Sala Gagliardi di Palazzo Trigona hanno ascoltato il racconto di Luisa Ardita, sorella di Eligia e zia della piccola Giulia.  Un racconto snocciolato anche tramite la proiezione di un video che è arrivato dritto alla mente e al cuore dei ragazzi. Le immagini del filmato hanno infatti mostrato il volto di tante giovani donne vittime di femminicidio.

Tra loro anche Eligia e poche parole scritte a sintetizzare quello che è stato e quello che poteva essere: “Oggi avrei 38 anni e terrei tra le braccia il mio regalo più grande, la mia bambina. Io sono la piccola Giulia, Dio mi aveva dato il dono della vita…non ho mai avuto la possibilità di incrociare lo sguardo della mia mamma che mi ha protetto in grembo fino al suo ultimo respiro”.

Per questo delitto è imputato il marito di Eligia e papà di Giulia. Perciò Luisa Ardita ha invitato le ragazze di Volalibro «ad accettare il fallimento di una storia d’amore» ricordando loro «di non sprecare la vita nel tentativo, vano, di cambiare un uomo geloso, possessivo o violento». Ai maschietti, invece, l’invito «ad amare e rispettare sempre le donne».

Messaggi, questi, ribaditi anche da Maria Infantino, portavoce della Fondazione “Eligia e Giulia Ardita contro ogni forma di violenza e per il diritto alla vita”. «L’amore non uccide. L’amore non è violento. L’amore non umilia e non mina la vostra autostima». Queste le parole con cui Maria Infantino ha chiuso l’emozionante confronto con i giovani.

Termina così il ciclo di incontri di Volalibro che dà appuntamento oggi alle 18, al Teatro comunale “Tina Di Lorenzo” di Noto, per la cerimonia finale della manifestazione con la premiazione degli alunni che hanno partecipato ai concorsi indetti nell’ambito del Festival: “Piccoli autori” e “Piccoli illustratori”; “Un logo per Volalibro” e “Giochi di logica e matematica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com