breaking news

Augusta| Italia Nostra: riflettori accesi sul santuario della Madonna Adonai

Augusta| Italia Nostra: riflettori accesi sul santuario della Madonna Adonai
Attualità
0

La sezione di Augusta di Italia Nostra  ha acceso i riflettori sul Santuario di Maria Santissima Mater Adonai, nell’ambito della  seconda Giornata Nazionale dei Beni Comuni, lanciata da Italia Nostra dopo il successo dello scorso anno, con 70 Sezioni coinvolte su tutto il territorio nazionale.  Per “beni comuni” si intende il patrimonio condiviso della Nazione, con lo scopo di diffondere la cultura della tutela e la consapevolezza del ruolo strategico che i beni culturali e il paesaggio ricoprono per la crescita sociale, culturale ed  economica  del Paese come risorse cognitive e motori di cittadinanza attiva.

 

In occasione di questa giornata le sezioni di tutta l’Italia hanno organizzato iniziative con lo scopo di coinvolgere i cittadini per sensibilizzarli sull’importanza di tutelare il nostro patrimonio culturale e paesaggistico.  Italia Nostra sezione di Augusta, presieduta da Jessica Di Venuta, ha acceso i riflettori sul Santuario di Maria Santissima Mater Adonai, presso Brucoli, grazie alla collaborazione con don Palmiro Prisutto. Il nucleo originario del Santuario è una grotta, resa ancora più suggestiva da un affresco della Vergine nera col Bambino, consacrata al culto mariano nel III secolo e utilizzata come rifugio per le comunità paleocristiane, perseguitate dagli imperatori Decio e Valeriano.

Ed è proprio tra le mura ricche di storia di questo luogo sacro che i soci di Italia Nostra hanno offerto una visita didattica ai numerosi cittadini augustani intervenuti, a cui è seguito un percorso multimediale per la promozione dell’Area Marina Protetta Brucoli-Agnone il cui progetto, elaborato in seguito all’istituzione di una Associazione temporanea di scopo promossa dalla sezione megarese e costituita tra il Comune di Augusta, l’Università degli studi di Messina e l’Associazione nazionale Italia Nostra onlus, è stato presentato al ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com