breaking news

Siracusa| Il governatore Musumeci sposta il simbolo su Reale

Siracusa| Il governatore Musumeci sposta il simbolo su Reale
Politica
0

Il caso politico di queste ultime ore di campagna elettorale in vista del ballottaggio del 24 è stato incentrato sul simbolo di Diventerà Bellissima, sull’opportunità di ritirarlo dal cartellone delle alleanze che hanno sostenuto la candidatura a sindaco di Fabio Granata.

Dopo la fuoriuscita di quest’ultimo dalla competizione, il governatore siciliano Nello Musumeci ha pensato di ritornare nell’alveo naturale delle alleanze e di spostare verso il centrodestra di Reale sindaco il proprio simbolo, quello di Diventerà Bellissima. Insomma, una presa di distanza da Granata quanto meno in termini di simbolo non certo di amicizia e di idee – ideologia. Ricordiamo che Granata si è diede un gran da fare per sostenere la candidatura dell’attuale presidente della Regione, qui in provincia di Siracusa. 

C’è chi loda la decisione presa del presidente Musumeci. Come Paolo Cavallaro, ex Diventerà Bellissima ora Fratelli d’Italia: “Prendo atto, con grande soddisfazione, della decisione del Presidente della Regione Nello Musumeci che, esaminata la situazione determinatasi a Siracusa, ha confermato la validità del progetto politico del centrodestra, invitando gli elettori di Diventerà Bellissima a sostenere il candidato sindaco Ezechia Paolo Reale, che già alle regionali era schierato col centrodestra e con Musumeci.

Non avevo dubbi sulla coerenza e la saggezza di Musumeci, col quale ho condiviso splendidi momenti di passione politica. Sono onorato di aver contribuito alla sua elezione, ottenendo un lusinghiero risultato, nonostante il disinteresse, confermato alle successive politiche, di tanti, ora venuti allo scoperto. Diventerà Bellissima, per la quale ho speso 3 lunghi anni della mia vita, usata, maltrattata, abbandonata cinicamente per bramosia di potere. Io, che ritengo la politica impegno e passione civile, e non strumento per ottenere poltrone, non potevo avallare scelte personalistiche che, di fatto, miravano a spaccare la coalizione di centro destra, unica che, pur nella articolata differenziazione di opinioni, può garantire una corretta gestione del territorio. Ero nel giusto.. Ora avanti tutta, con Fratelli d’Italia, con Ezechia Paolo Reale sindaco, senza se e senza ma, perché la lealtà e la coerenza per la destra e per me sono valori imprescindibili della vita.

In vista del ballottaggio, Granata tiene anche a precisare la sua posizione nei confronti di Diventerà bellissima. “Nella mia decisione di aderire al Patto di fondazione nell’interesse della città proposto da Francesco Italia, interesse primario che non può essere condizionato da equilibri regionali o nazionali, ho evitato di coinvolgere Diventerà Bellissima, della quale al primo turno ho solo utilizzato il simbolo e ho avuto la disponibilità del commissario provinciale Roberto Visentin, che ringrazio”, lo ha detto Fabio Granata in relazione agli equilibri di liste e movimenti che lo hanno sostenuto al primo turno.
“Ovviamente nessuno pensa di coinvolgere il presidente della Regione su una decisone di cui mi assumo la piena responsabilità insieme alla unanimità del movimento Oltre, per la Rigenerazione di Siracusa. Sono convinto – ha concluso Granata – che gli schemi del 900 vadano superati ma la mia identità politica di destra sociale e legalitaria ha scelto di stare nell’unico campo possibile a Siracusa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com