breaking news

Siracusa| 244° anniversario della Guardia di Finanza

Siracusa| 244° anniversario della Guardia di Finanza
Cronaca
0

Si è appena conclusa, all’interno della caserma M.A.V.M. Ten. Alfredo Lombardi, alla presenza del Comandante Provinciale, Colonnello Antonino Spampinato, la celebrazione del 244° anniversario della fondazione della Guardia di Finanza che, di fatto, ricorre il 21 giugno.

 

Nel corso della cerimonia, che ha avuto carattere interno, alla quale hanno preso parte una rappresentanza di finanzieri in servizio alla sede di Siracusa e della locale Sezione A.N.F.I, dopo la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dell’Ordine del Giorno Speciale del Comandante Generale del Corpo – Gen. C.A. Giorgio Toschi, il Comandante Provinciale ha tenuto un breve discorso e, a seguire, sono state consegnate ricompense di ordine morale.

La significativa ricorrenza, oltre ad essere un momento di festa, è stata, al tempo stesso, l’occasione per tracciare un bilancio delle attività svolte e per testimoniare il ruolo sempre più importante che il Corpo riveste a salvaguardia della legalità e a tutela della sicurezza economico finanziaria della Provincia e della Nazione.

Rientra fra queste l’attività svolta dal Corpo, con il progetto “Educazione alla legalità economica”, giunto alla 5^ edizione, che si inquadra nell’ambito di un protocollo di intesa stipulato tra il Comando Generale e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che ha visto i Finanzieri aretusei incontrare le scolaresche presso 8 Istituti della provincia per complessive 61 classi e 1.637 studenti.

Ma si ricorda anche la mostra itinerante “La luce dell’onestà”, giunta alla sua 8^ esposizione, ideata tra il Comando Provinciale, la Sovrintendenza di Siracusa ed i Comuni della Provincia, mostra in cui sono stati esposti i beni sequestrati dalle Fiamme Gialle siracusane dagli anni ’60 in poi.

Il Col. Spampinato, rivolgendo un sentito ringraziamento a tutti i Finanzieri per l’impegno, l’abnegazione, l’entusiasmo operativo e lo spirito di sacrificio con i quali quotidianamente esercitano le loro delicate funzioni, ha richiamato quei concetti di senso di appartenenza, competenze professionali e aggiornamento costante.

Ha, altresì, ricordato l’ammodernamento del Corpo con la riforma del Nuclei diventati di polizia economico-finanziaria ed anche l’attribuzione, in via esclusiva, del comparto specialità della “sicurezza del mare” che vede le Fiamme Gialle quale unica “polizia del mare”.  Infine, ha rimarcato i significativi risultati operativi conseguiti dal Comando Provinciale in tutti i settori di servizio: dalla lotta al sommerso, all’evasione ed elusione fiscale, agli illeciti utilizzi del denaro pubblico, alle frodi finanziarie, al riciclaggio, alla criminalità economica organizzata.

Nel corso della cerimonia il Col. Spampinato ha inteso ringraziare il Prefetto, Dott. Giuseppe Castaldo, il Procuratore Capo della Repubblica, Dott. Francesco Paolo Giordano, il Questore ed il Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, l’arcivescovo Metropolita, S.E. Rev.ma Mons. Salvatore Pappalardo, i responsabili delle FF.AA. ed i dirigenti delle varie Istituzioni ed Agenzie fiscali.

L’indirizzo di politica economica, finanziaria e fiscale indicato nel documento programmatico, anche per il 2018, ha previsto, sostanzialmente, un rafforzamento al contrasto all’evasione, all’elusione ed alle frodi fiscali, con particolare riferimento a quelle di tipo organizzato, alle truffe ed agli illeciti in materia di spesa pubblica nazionale e comunitaria, all’infiltrazione della criminalità nell’economica legale, al riciclaggio di denaro ed al finanziamento del terrorismo, alla contraffazione ed al gioco illegale.

La Guardia di Finanza, per il perseguimento delle finalità, ha progettato dei piani operativi sinergici, quale strumento di attuazione e controllo, suddivisi in: tre obiettivi strategici, volti alla: tutela delle “entrate” dello Stato, attraverso la lotta all’evasione, all’elusione e alle frodi fiscali; tutela delle “uscite” di risorse pubbliche, attraverso il contrasto agli illeciti in materia di spesa pubblica ed all’illegalità nella Pubblica Amministrazione; tutela del mercato e dei capitali, attraverso il contrasto alla criminalità economico-finanziaria, un obiettivo strutturale, per il concorso alla sicurezza interna ed esterna del Paese.

In attuazione di quanto evidenziato, il Comando Provinciale, nel decorso anno e nei primi 5 mesi di quest’anno, ha impiegato le proprie risorse per il perseguimento dei seguenti obiettivi. E’ stato attuato attraverso piani operativi previsti a contrasto delle varie forme di evasione fiscale ed ha evidenziato i seguenti risultati con l’esecuzione di: 398 interventi (verifiche e controlli) condotti nei confronti di professionisti ed imprese rilevando: nel campo dell’imposizione diretta, complessivamente, ricavi non dichiarati per oltre 70 milioni di euro con l’individuazione di 46 soggetti sconosciuti al fisco tra evasori totali e paratotali nonché di quantificare ritenute operate e non versate (denaro trattenuto sulla retribuzione del lavoratore e non versato allo Stato) per circa 3 milioni di euro; nel campo dell’imposizione indiretta, sono state rilevate violazioni per oltre 14 milioni euro di I.V.A. (relativa, dovuta e non versata).

181 lavoratori “in nero” ed “irregolari”, impiegati da 64 datori di lavoro; in materia di scontrini e ricevute fiscali sono stati effettuati circa 3.300 controlli il 34% dei quali sono risultati irregolari; 64 imprenditori responsabili di frodi e reati fiscali denunciati all’Autorità Giudiziaria; avanzate proposte di sequestro per reati fiscali per circa 7 milioni di euro ed effettuati sequestri per circa 7,5 milioni euro; 762 controlli su strada, di cui 1.239 su ogni tipo di veicolo commerciale utilizzato per il trasporto delle merci, 485 inerenti la circolazione di prodotti soggetti ad accise e 121 per rilevamenti sugli indici di capacità contributiva; 20 interventi per la prevenzione e repressione dei fenomeni di giochi illegali e scommesse clandestine con la denuncia di 13 soggetti e il sequestro di 20 punti clandestini di raccolta scommesse e degli apparecchi terminali utilizzati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com