breaking news

Augusta| Mangano e Aparo soddisfatti per la consegna dei lavori del teatro

Augusta| Mangano e Aparo soddisfatti per la consegna dei lavori del teatro
Attualità
0

Manuel Mangano, presidente nazionale dell’associazione Bella Storia, nonché segretario cittadino dei Giovani democratici e Ruben Aparo, studente liceale che a gennaio e a giugno hanno attuano lo sciopero della fame per sollecitare l’apertura del teatro comunale intervengono a seguito della consegna ufficiale dei lavori di adeguamento dell’impiantistica della struttura.

“Dopo le recenti dichiarazioni da parte della giunta grillina riguardo la riapertura del teatro comunale, non possiamo fare altro che ritenerci soddisfatti per l’operato raggiunto a seguito del nostro impegno da diversi anni a questa parte su quest’argomento. Riteniamo – dichiarano i due giovani – che l’obiettivo sia stato centrato grazie a tutta la cittadinanza che ha continuato a tenere viva l’attenzione su questo bene così prezioso per gli studenti, per le compagnie teatrali, per le associazioni e soprattutto per la città. Il nostro sciopero della fame ha sorbito i suoi effetti e i risultati non hanno tardato ad arrivare. Adesso bisogna però ripartire da qui per rilanciare il tema della cultura nella nostra città che sembra essersi del tutto inabissato in un oceano di disfattismo, scuse e ritardi che di certo non fanno bene alla nostra comunità. Ci auguriamo, di poter vedere presto alla luce un programma annuale delle attività culturali e ricreative più importanti presenti in città, crediamo si possa ripartire da quest’argomento per rilanciare turismo, crescita personale di ogni cittadino e soprattutto lavoro, perché ancora una volta amiamo ribadire che di cultura si può e si deve mangiare”.

Sono stati consegnati ufficialmente martedì mattina i lavori di adeguamento degli  impianti antincendio elettrico ed elettrogeno del teatro comunale. La struttura, che può dirsi ormai ultimata, sarà inaugurata a settembre ma è già fruibile. La consegna è avvenuta alla presenza del sindaco, Cettina Di Pietro e degli assessori ai Lavori pubblici e alla Cultura, Roberta Suppo e Giusy Sirena.  Un immobile chiuso da oltre 5 anni. Non si chiamerà teatro ma auditorium, già in passato intitolato a Giuseppe Amato. Compatibilmente alle disponibilità di personale comunale sarà gestito dall’Ente locale, altrimenti l’assessorato alla Cultura ha predisposto già un bando pubblico per affidarlo in concessione, purché l’utilizzo venga condiviso da tutte le compagnie teatrali e dalle scuole in quanto, la struttura, che insiste all’interno della cittadella degli studi di via Strazzulla, è stata da sempre utilizzata come aula magna dagli studenti. Ha una capienza effettiva di 290 posti, quelli esistenti sono 250, basterà aggiungere una fila di sedie per sfruttarne appieno la grandezza.  Dal prossimo autunno l’auditorium, che tutti però immancabilmente continueranno a chiamare teatro comunale, dopo un lustro tornerà a ospitare eventi, manifestazioni e rappresentazioni teatrali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com