breaking news

Augusta| Disabilità: primo incontro dell’Osservatorio regionale di cui fa parte la First

Augusta| Disabilità: primo incontro dell’Osservatorio regionale di cui fa parte la First
Attualità
0

ha avuto luogo lo scorso martedì  a Palermo  nella sede dell’assessorato Politiche sociali e Famiglia la prima riunione dell’osservatorio regionale sulla disabilità  di cui fa parte la First Federazione italiana rete sostegno e tutela.

All’incontro sono intervenuti il garante della first Sebastiano Amenta, vice presidente dell’associazione 20 Novembre 1989 e l’avvocato Maurizio Benincasa presidente della First, nonché legale dell’associazione 20 Novembre 1989. I partecipanti al  tavolo tecnico hanno discusso dell’approvazione e/o correzione del regolamento dell’osservatorio regionale sulla disabilità. Nel corso della prossima riunione verranno istituiti commissioni e vari gruppi di lavoro per cominciare a operare presentando proposte incisive a favore delle famiglie dei disabili e degli stessi soggetti svantaggiati. In seno all’osservatorio regionale si istituiranno le commissioni lavoro per l’inclusione del disabile a scuola, con piani personalizzati e proposte incisive volte a migliorare la vita sociale dei diversamente.

Nei mesi scorsi l’’associazione 20 novembre 1989 è entrata a far parte della First federazione Italiana rete e sostegno. Sebastiano Amenta, vice presidente dell’associazione membro del direttivo della First da diverso tempo porta avanti battaglie al tavolo tecnico al Miur e di recente ha  iniziato a farsi sentire anche all’interno dell’ osservatorio sulla disabilità della Regione Sicilia istituito per decreto ad aprile. A quel tavolo Amenta insieme con l’avvocato Maurizio Benincasa presidente della First hanno sottoposto e sottoporranno agli assessori regionali interessati diverse tematiche cruciali per i disabili

 a partire dalla terapia riabilitativa, politiche a favore dei caregiver family, trasporto, presa in carico del disabile  art 14 della 328 così come l’inclusione del disabile in ambito lavorativo. “Per la terapia riabilitativa, da  ciò che ho appurato e dalle segnalazioni fatte dalle famiglie – dice Amenta – ci sono delle lacune dove bisogna intervenire in fretta, mi riferisco ai tempi di attesa che molti bambini devono  aspettare prima di poter accedere ai trattamenti riabilitativi (parliamo anche di 8/9  mesi). Ad esempio la diagnosi precoce per chi è affetto dal disturbo dell’autismo e fondamentale ai fini riabilitativi, perché iniziare i trattamenti in tenerissima età servirà a  colmare quel gap che in età adulta farà  la differenza è quei tempi di attesa per entrare a fare riabilitazione sono cruciali per il futuro dei bambini e tutto ciò va discusso e risolto alla fonte cioè la Regione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com