breaking news

Augusta| Il lato ovest della villa comunale adottato da Nuova Acropoli.

Augusta| Il lato ovest della villa comunale adottato da Nuova Acropoli.
Attualità
0

I cittadini si riappropriano del più grande polmone verde di Augusta. La villa comunale, per anni trascurata, sta tornando a rivivere grazie all’opera volontaria di  persone che se ne prendono cura. Un’intera area dei giardini pubblici, situata a ovest, è affidata ai volontari di Nuova Acropoli ed è stata inaugurata nei giorni scorsi con una sobria cerimonia.

Il lato ovest abbellito e curato a opera dei volontari di Nuova Acropoli Augusta è stato inaugurato nei giorni scorsi. Alla cerimonia sono intervenuti il presidente dell’associazione Adriana Pricone e una delegazione di volontari. Ha partecipato il sindaco, Cettina Di Pietro evidenziando l’opera meritoria di associazioni e cittadini che si prendono cura degli spazi pubblici e Nuova Acropoli lo ha fatto prima che entrasse in vigore il l regolamento comunale “Adotta un’area a verde. Nei giardini pubblici  club service e  associazioni,  hanno  adottato molte aiuole. Nuova Acropoli ne cura bel 5 tutte concentrate in un unico spazio.

Tra le varie composizioni floristiche della villa comunale  lato ovest, 5 aiuole sono inserite in modo estetico a incorniciare il mezzobusto del Re Umberto I, inaugurato i primi del novecento e inquadrato, in origine, da 4 cancelletti in ferro battuto nero con due siepi maestose ai lati. Questo scorcio della villa, detto anche “a villa nica” dagli augustani che ancora ricordano la bellezza originale del posto, ormai abbandonato al vandalismo e alla decadenza, è stato scelto dall’organizzazione internazionale  Nuova Acropoli, associazione di filosofia, cultura e volontariato, per offrire il proprio servizio alla cittadinanza dimostrando l’amore per la città e per il bene comune e il rispetto e la cortesia per la Natura che tanto benevolmente ha deciso di regalarci un luogo di tanta straordinaria bellezza. L’operazione conosciuta anche dagli irremovibili frequentatori della villa col nome di Vivere Augusta vede l’avvicendarsi di molti giovani e meno giovani dell’Associazione Nuova Acropoli che con le proprie forze, fisiche ed economiche, prima ancora che esistessero dei regolamenti per le adozioni delle aree verdi di Augusta, hanno restaurato le aiuole, preparato e fertilizzato la terra e hanno piantumato e continuano a curare da circa 6 anni le 5 aiuole antistanti e le siepi attorno al busto di Umberto I, ormai privo di cancelletti, con il preciso intento di restituire loro l’antica bellezza e alla cittadinanza la voglia di frequentare quello che per un centinaio di anni è stato il fiore all’occhiello di Augusta, uno dei giardini pubblici più belli e ben tenuti della Sicilia Orientale, nonché lo sfondo del meraviglioso e antico Castello di Federico II di Svevia.

In questi anni, i volontari di Nuova Acropoli la cui sede di Augusta il 21 settembre scorso ha compiuto 10 anni (l’associazione al livello internazionale ha 61 anni), hanno messo alla prova e confermato quei valori che da sempre hanno contraddistinto questa associazione in tutto il mondo, amore per la natura e per il bene comune: in modo tangibile, curando le aiuole dei giardini pubblici, ma anche in modo intangibile diffondendo la cultura e la filosofia ai propri concittadini. Nuova Acropoli Augusta, infatti, organizza incontri culturali con cadenza mensile, nella propria sede associativa e da due anni anche all’aperto nelle aree della villa comunale da loro curate, nei periodi primaverile e autunnale, organizza passeggiate archeologiche (Megara Hyblea, Scavi di Morgantina, Centuripe, Castelli del territorio di Catania, Noto Antica, e molto altro), oltre a prestare il proprio servizio come Volontari in Protezione Civile. Non di rado, infatti è possibile osservare giovani in divisa rossa insieme ai vigili urbani o agli altri addetti alla protezione civile durante la festa padronale o per altri eventi organizzati per la cittadinanza. Ora che il comune ha regolamentato le adozioni delle aree verdi, Nuova Acropoli ha chiesto e ottenuto l’adozione di quella parte della villa per continuare col suo operato a rendere onore e restituire bellezza alla propria città. Entrare a far parte di questa associazione è semplicissimo, due volte l’anno, in autunno e in primavera si aprono corsi di avviamento al volontariato in protezione civile che formano volontari sia tecnicamente sia umanamente e ogni mese si aprono i corsi di filosofia, fiore all’occhiello della associazione, per permettere a chi volesse rimettersi in gioco di iniziare un percorso di indagine interiore per raggiungere una consapevolezza maggiore delle proprie caratteristiche e migliorare la propria vita e la vita del mondo che ci circonda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com