breaking news

Melilli| Italia Nostra, sezione IN: al via il tour autunnale

23 Ottobre 2018 | by Redazione Webmarte
Melilli| Italia Nostra, sezione IN: al via il tour autunnale
Attualità
0

Domenica 21 ottobre 2018 in occasione dell’apertura dell’anno sociale 2018/19, i soci e simpatizzanti di Italia Nostra Melilli presieduta da Nella Tranchina, si sono recati in visita alla Riserva Naturale Integrale “Complesso Speleologico Villasmundo – S.Alfio” definita un paradiso ai piedi dei monti Climiti  gestita dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania.

Il gruppo IN accolto e guidato dalla direttrice dell’area protetta, Elena Amore, e dagli esperti Renzo Ientile, Emilia Musumeci e Mauro Contarino del Cutgana – ha ammirato il sentiero natura “Due passi nel bosco” alla scoperta delle peculiarità riserva naturale, uno degli angoli più caratteristici della Sicilia orientale. Un sito di particolare interesse naturalistico e paesaggistico dove la roccia carsica e le acque dei laghetti del torrente Belluzza si incastonano con il bosco di lecci e platani.Un’area sottoposta a tutela dalla Regione Siciliana dal 1998 con l’istituzione della Riserva naturale integrale “Complesso speleologico Villasmundo-S. Alfio” che si estende nel territorio di Melilli tra le “cave” dei torrenti Belluzza e Cugno di Rio.La giornata di domenica rappresenta l’inizio di una proficua collaborazione tra il Cutgana e la sezione di Italia Nostra visti gli obiettivi comuni di protezione e salvaguardia del patrimonio naturale, coniugate con una fruizione ecosostenibile e a conclusione della visita guidata è stata messa a dimora una pianta di timo, piccolo arbusto autoctono, per suggellare la collaborazione.

Nel pomeriggio, in seno alla campagna nazionale Paesaggi Sensibili di Italia Nostra, si è svolto il sopralluogo alla “Cava dei Mulini”, guidato da Giuseppe Schermi, proprietario del fondo, che ha illustrato il funzionamento dell’antico mulino ad acqua a ruota orizzontale, e da Pietro Tranchina, che ha raccontato la storia dello stato idrico della Cava, illustrando la nascita e le peculiarità della diga ad uso dell’allora “Sincat” e le vicende che portarono gli agricoltori locali alla creazione di un condominio irriguo, e ha evidenziato come l’ingente portata d’acqua di un tempo sia ormai ridotta, forse a causa dell’incremento demografico e dei nuovi stili di vita, ma anche alle scelte, non sempre illuminate, di ricerca e approvvigionamento dell’acqua cittadina.

La Sezione IN Melilli ha individuato la Cava dei Mulini quale “Paesaggio Sensibile” da mettere in sicurezza per evitarne l’abbandono e ha inviato alla sede nazionale la scheda descrittiva sulla significatività dei luoghi che appaiono come un’Isola verde nella Sicilia arsa e bruttata dagli insediamenti petrolchimici, ricca di Testimonianze storiche dell’agricoltura antica abbandonati e degradati, in una Vallata in passato frequentata abitualmente nel tempo libero e oggi quasi del tutto dimenticata

<<La “Campagna dei Paesaggi Sensibili di Italia Nostra” – dichiara Nella Tranchina – è nata nel 2008 per sensibilizzare i cittadini sul valore del Paesaggio. A livello nazionale si celebra nella settimana che va dal 20 al 28 ottobre. Per la nostra sezione è la prima esperienza e siamo felici di parteciparvi, perché questi eventi ci aiutano a comprendere l’importanza della tutela del paesaggio e dei beni che abbiamo intorno di cui spesso ci accorgiamo quando irrimediabilmente compromessi dall’abbandono o da qualche scriteriata opera o intervento umano.

Un altro evento legato a questa campagna si terrà il 24 novembre con una conferenza sulle “Aree protette del territorio di Melilli, Piano Regolatore, Piano Paesaggistico e Parco degli Iblei”>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com