breaking news

Augusta| Patto di coesione definito nell’incontro organizzato da Assoporto.

28 Ottobre 2018 | by Redazione Webmarte
Augusta| Patto di coesione definito nell’incontro organizzato da Assoporto.
Attualità
0

Un patto di coesione sociale a salvaguardia degli interessi della comunità e dello sviluppo del territorio della provincia di Siracusa è stato definito durante l’incontro, che ha avuto luogo ieri a cura di Assoporto. Lo rende noto l’associazione che raggruppa numerosi operatori portuali. 

Si è svolto ieri mattina, nella sede dell’associazione Assoporto Augusta, il programmato incontro tra gli associati e  i rappresentanti dei partiti eletti nel collegio. Per il Movimento 5 Stelle sono intervenuti il senatore Pino Pisani, il deputato  nazionale Paolo Ficara e il deputato regionale Stefano Zito. Per il Pd il deputato regionale Giovanni Cafeo. Hanno partecipato inoltre il segretario provinciale Filt Cgil, Vera Uccello, Alessandro Valenti della Cisl Fit regionale, Silvio Balsamo della Uil trasporti provinciale. Presente anche il  luogotenente Paolo Cassia, comandante della stazione dei Carabinieri.

All’incontro Assoporto Augusta ha posto diverse questioni urgenti: Zes (zone economiche speciali), Decreto di trasferimento della sede dell’Adsp della Sicilia orientale, sburocratizzazione ed efficientamento degli uffici periferici dello Stato.  Per le Zes si è discusso del fatto che la regione siciliana si sta dotando di linee guida per la scelta dei territori in cui far ricadere le aree Zes e della possibile esclusione delle zone con vincoli ambientali tra questi, Augusta Melilli, Priolo e parte di Siracusa. I parlamentari, condividendo le preoccupazioni espresse da Assoporto, in merito hanno convenuto sulla necessità di fissare un incontro con l’assessore Turano e con la commissione parlamentare per  definire regole che possano contemperare le diverse esigenze, senza di fatto escludere i luoghi più vocati per l’istituzione di questo provvedimento.

Per quanto riguarda la preoccupazione del trasferimento della sede dell’Adsp di Sicilia Orientale, da Augusta a Catania, ritenuto uno scippo dal territorio siracusano, importanti rassicurazioni sono state date ad Assoporto Augusta, dai rappresentanti del movimento 5 stelle, in merito alla posizione che il ministero intende assumere nell’udienza al Tar del prossimo 7 novembre. Ponendo così la massima attenzione al ripristino della legalità.

Assoporto  ha sottolineato, l’esigenza di attuare anche per gli operatori economici portuali, finora esclusi, forme di sburocratizzazioni e a tale scopo fornirà ai parlamentari un documento contenente tutte le norme obsolete cosi come i regolamenti e le circolari che dovrebbero essere superate. E’ stata affrontata anche  la questione inerente il sistema informatico nazionale, che invece di semplificare i sistemi, come vuole la norma europea, ha partecipato inesorabilmente a un processo d’implementazione della burocrazia, spostando l’onere sulle imprese. In ultimo è stata sottolineata l’esigenza che i parlamentari si facciano carico di affrontare e definire il cronico problema della carenza di organici e di strumenti dei diversi uffici periferici dello stato ad Augusta, come dogana, polizia di frontiera, capitaneria di porto, Asp, vigili del fuoco.

Un importante incontro  – ha detto soddisfatta a nome degli associati, Marina Noè, presidente di Assporto – che punta alla soluzione reale dei problemi anche attraverso il coinvolgimento di diversi attori istituzionali che di volta in volta saranno coinvolti. Gli incontri continueranno con cadenza periodica. E’ stato un piacere assumere la consapevolezza che i diversi invitati all’incontro hanno sostenuto il principio di leale collaborazione, di fatto costituendo un patto di coesione sociale”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com