breaking news

Augusta| Adsp: Zappulla e Triberio chiedono ora di puntare su Zes, via della Seta e bonifiche

2 Novembre 2018 | by Redazione Webmarte
Augusta| Adsp:  Zappulla e Triberio chiedono ora di puntare su Zes, via della Seta e bonifiche
Politica
0

Articolouno Movimento Democratici e Progressisti Siracusa interviene sulla vicenda che riguarda il mantenimento della sede dell’Autorità di sistema portuale della Sicilia orientale. Per il  coordinatore provinciale di Articolouno Mdp e il consigliere comunale di Augusta, Giancarlo Triberio: “si sana una gravissima forzatura e una clamorosa ingiustizia. Augusta riacquista la naturale centralità che le compete. Ora si punti a la Zes e a rientrare nelle rotte della Via della Seta.

 

“Apprendiamo con grande soddisfazione che viene riconsegnata la titolarità e la sede ad Augusta della nuova Autorità portuale di sistema” dichiarano il coordinatore provinciale di Art1 Mdp Pippo Zappulla e il consigliere comunale, Giancarlo Triberio: “si sana una gravissima forzatura e una clamorosa ingiustizia. Augusta riacquista la naturale centralità che le compete. Ora si punti a la Zes e a rientrare nelle rotte della Via della Seta”. Zappulla e Triberio attendono che  la volontà della comunicazione del ministero diventi presto contenuto di uno specifico decreto che faccia giustizia di una gravissima forzatura e di una clamorosa ingiustizia, frutto evidente di una mera manovra politica.

 

Zappulla e Triberio

“Augusta – sottolineano – riacquista dunque la naturale centralità che le compete nella nuova Autorità di Sistema in quanto classificato Porto Core e hub internazionale. Questo e’ il risultato dell’impegno e del lavoro di tanti soggetti che, in questi ultimi anni, si sono battuti con serietà e coerenza per evitare che si consolidasse uno scempio, che le ragioni tecniche ed economiche venissero travolte dalla geografia politica. Ora si punti a far decollare la Zes superando le strumentali resistenze del governo regionale. Autorità di sistema portuale, forse sociali e istituzionali locali, Regione aprano un tavolo di confronto con il governo nazionale per fare rientrare Augusta e la Sicilia nelle rotte commerciali cinesi della cosiddetta Via della Seta. Per quanto ci riguarda continueremo la nostra battaglia a difesa e sostegno del Porto di Augusta, delle sue potenzialità economiche e occupazionali, a crescere se possibile il nostro impegno perché finalmente si realizzino le bonifiche ridando al territorio e alle comunità il sacrosanto diritto alla salute e alla qualità della vita. Per tutto questo non abbiamo guardato in faccia a nessuno e continueremo a farlo denunciando ogni rischio e ogni manovra contraria alla comunità di Augusta e del territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com