breaking news

Siracusa| Nuovo ospedale. M5S perplesso su area della Pizzuta

20 novembre 2018 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Nuovo ospedale. M5S perplesso su area della Pizzuta
Politica
0

Sul nuovo ospedale cittadino intervento dei consiglieri cinquestelle Russoniello e Trigilio: (M5s): “Perplessità sulla Pizzuta, la comunità siracusana chiede altro”

Nella seduta del Consiglio Comunale del 14 novembre scorso i Consiglieri del Movimento 5 Stelle Silvia Russoniello e Roberto Trigilio, sono intervenuti sull’ o.d.g. relativo alla “Individuazione dell’area per la costruzione del nuovo Ospedale” , fornendo spunti critici tali da rendere imprescindibile un immediato approfondimento dell’argomento. Hanno richiamato l’attenzione – sotto il profilo giuridico, urbanistico e delle infrastrutture – su una serie di problematiche che riguardano l’infrastruttura in sé.
“In Consiglio non si è discusso di una nuova area per l’ospedale che è rimasta quella indicata dal civico consesso nel luglio del 2017, in contrada Pizzuta, nonostante i vincoli urbanistici del Piano Regolatore Generale del 2007 siano, nel frattempo, decaduti. E nemmeno si è votata la conferma di quella delibera”, spiegano Russoniello e Trigilio. Che ricordano come quell’atto sia stato votato dalla precedente consiliatura, quando  il M5S non era rappresentato all’interno del Consiglio Comunale di Siracusa  per cui non ha mai ratificato o condiviso quella delibera.
Come Movimento 5 Stelle abbiamo sollevato documentate perplessità sulle procedure di scelta dell’area per la mancanza di un masterplan preliminare che avrebbe dovuto essere modellato anche utilizzando la fattibilità tecnica redatta dall’Asp nel 2012″. Il masterplan è un documento di indirizzo strategico che sviluppa un’ipotesi complessiva sulla programmazione di un territorio individuando i soggetti interessati, le possibili fonti di finanziamento, gli strumenti e le azioni necessarie alla sua attuazione.
Una così impattante infrastruttura strategica necessita di una fattibilità tecnica a più ampio raggio comprendente, ad esempio, il nuovo sistema viario per il raggiungimento del sito (trasporto pubblico e privato), il nuovo sistema di smaltimento delle acque di prima pioggia e quelle successive in modo tale da non aggravare ulteriormente la deprecabile situazione in cui versa la zona del ViIlaggio Miano, la possibilità di destinare in caso di maxi emergenza un’area in prossimità dell’ingresso dell’ospedale o del pronto soccorso per l’accoglienza, di massa di feriti in caso di calamità e per l’eventuale triage, etc”, argomentano.
“Purtroppo, per quel che è dato sapere, nessuna attenzione è stata posta su tale visione complessiva tra territorio ed infrastruttura ospedaliera né da parte dell’Amministrazione Comunale né da parte dell’Asp di Siracusa che si insieme dovrebbero studiare il masterplan. Noi contrari alla logica dell’intanto costruiamo e poi si vede come va”, puntualizzano i due consiglieri pentastellati.
In Commissione Urbanistica hanno chiesto ai tecnici comunali, presenti per l’occasione, di relazionare sulle motivazioni che hanno portato alla scelta della zona Pizzuta e sull’individuazione di altre zone idonee, “per evitare gli errori urbanistici del passato e così da coniugare le primarie esigenze dei siracusani con le giuste doglianze degli abitanti della provincia”. A dicembre del 2017, con una sua nota, l’Asp ha evidenziato che – fino a quella data – non erano stati effettuati gli imprescindibili controlli obbligatori previsti dalla legge sul terreno in esame.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com