breaking news

Augusta| Teatro: il sindaco chiarisce, Giordani chiede di non annullare la gara.

14 Febbraio 2019 | by Redazione Webmarte
Augusta| Teatro: il sindaco chiarisce, Giordani chiede di non annullare la gara.
Attualità
0

Vicenda affidamento teatro comunale: il sindaco Di Pietro puntualizza che la commissione si è attenuta a quanto previsto dalla legge e il tenore Marcello Giordani, in una nota inviata al Comune, invita: “a voler dare continuità alla gara onde evitare ulteriore perdita di tempo procedendo a nuova gara, considerato che la mia associazione è unica partecipante”.

Riguardo all’esclusione della Yap Accademia di Marcello Giordani che ha presentato l’unica offerta pervenuta al Comune in risposta all’avviso pubblico per l’affidamento, a titolo oneroso, del teatro comunale, di recente ribattezzato auditorium “Giuseppe Amato”, ritenuta dalla commissione giudicatrice non valida perché la busta non è stata sigillata regolarmente, il sindaco Cettina Di Pietro, nel sottolineare il fatto che, tutti lamentano l’assenza di spazi culturali, ma quando si tratta di spendersi in prima linea per la gestione di uno spazio che il Comune ha messo a disposizione della città non rispondono, eccetto la Yap che ha presentato l’unica offerta dichiara: “a me dispiace e l’ho detto anche a Marcello Giordani – dichiara il primo cittadino – ma credo che i dipendenti si siano limitati a fare ciò che prevede la legge nell’apertura delle buste, tra l’altro, si trattava dell’offerta economica e, quindi, contestare l’eccessiva “fiscalità” non mi sembra corretto.

La commissione- sottolinea il sindaco Di Pietro – ha fatto il proprio dovere attenendosi in maniera scrupolosa alla normativa. Sarà indetto nell’immediato un nuovo bando facendo anche degli interventi di miglioria che effettueremo con parte dei fondi (relativi al 2016, circa 20 mila euro) della democrazia partecipata. Auspichiamo che Giordani partecipi ancora una volta in quanto siamo consapevoli dell’ opportunità che avrebbe Augusta con la gestione dell’auditorium da parte della Yap. Non avremmo voluto l’insorgenza di questo problema di carattere burocratico, ma la pubblica amministrazione è fatta così a garanzia di tutti”.

Marcello Giordani interviene ancora sulla vicenda chiarendo che:  “la commissione osserva che la busta 3 contenente l’offerta economica non è regolarmente sigillata in quanto non c’è continuità dei timbri e firme…” Faccio presente che: la busta oggetto di contestazione si trovava all’interno di una busta già ammessa alla gara e correttamente sigillata, quindi non poteva essere manomessa.  Nel bando di gara non veniva specificato che la non corretta sigillatura delle buste sarebbe stato motivo di esclusione della gara. Perché la non continuità delle sigle sui lembi di chiusura non è motivo di tale importanza da annullare una regolare gara con un solo concorrente. Ciò è quanto specifica Giordani in una nota invitata agli organi comunali competenti che si conclude con :”l’invito a voler dare continuità alla gara onde evitare ulteriore perdita di tempo procedendo a nuova gara, considerato che la mia associazione è unica partecipante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com