breaking news

Carlentini | Nuova giunta, Piccolo (M5s): «Il sindaco dica perché un rimpasto dopo solo sette mesi»

23 Febbraio 2019 | by Silvio Breci
Carlentini | Nuova giunta, Piccolo (M5s): «Il sindaco dica perché un rimpasto dopo solo sette mesi»
Politica
0

Otto gli interrogativi posti al primo cittadino dalla portavoce del Movimento 5 stelle in consiglio comunale, Sandra Piccolo. «Gli assessori non riconfermati non meritavano forse la fiducia del sindaco?».

«Il sindaco dica il perché del rimpasto». «Come mai dopo solo sette mesi di amministrazione tutta la giunta si dimette? Come mai dopo solo sette mesi si rende necessario un rimpasto? Come mai solo uno degli assessori uscenti viene riconfermato? Come mai nella nuova giunta compaiono personaggi di spicco nella passata amministrazione?». Sono alcuni degli interrogativi posti dalla consigliera comunale del Movimento 5 stelle di Carlentini, Sandra Piccolo, a margine del recente rimpasto che ha portato al varo di un nuovo esecutivo con la riconferma del solo assessore Sebastiano Nardo e la nomina di Massimo Favara, Maria Rosa Ripa e Salvatore Mangiameli al posto di Salvatore La Rosa, Caterina Marangia e Antonino Lipari.

«Invano abbiamo atteso delle spiegazioni». «Abbiamo scelto – scrive in una nota Sandra Piccolo – di non fare considerazioni a caldo e invano abbiamo atteso delle spiegazioni in merito all’accaduto. Invece è calato il silenzio sull’intera vicenda, un silenzio che a noi non piace e per questo vorremmo delle risposte ad alcune domande». Otto in tutto gli interrogativi snocciolati nella nota del Movimento 5 stelle. Ecco gli altri. «Gli assessori dimissionari hanno fatto qualcosa che ha potuto nuocere al buon andamento dell’amministrazione comunale? Hanno dimostrato incompetenza? Non meritano più la fiducia del sindaco e la nostra? E infine perche il sindaco Giuseppe Stefio, dopo appena sette mesi di collaborazione, ha accettato senza battere ciglio le dimissioni dei due assessori Lipari e Marangia?».

«Continuità. E rispunta un ex assessore». «Due figure, queste ultime – afferma la portavoce del M5s Sandra Piccolo – conosciute e di tutto rispetto, presentate alla cittadinanza durante la scorsa campagna elettorale. Due assessori che avrebbero dovuto affiancare Stefio nella “buona amministrazione” del nostro “virtuoso Comune” e che stavano dando una ventata di nuovo rispetto alla vecchia politica. È vero – prosegue Piccolo – che durante la scorsa campagna elettorale l’attuale sindaco aveva parlato pubblicamente, assieme al sindaco uscente, di una linea di continuità che la nuova amministrazione avrebbe seguito, ma nulla faceva trapelare che si volevano rimettere in campo personaggi della passata amministrazione. Ben cinque liste di giovani hanno contribuito alla elezione a sindaco di Stefio, giovani ora lasciati fuori. Hanno detto che questa sarebbe stata il continuo della “buona amministrazione”, hanno detto “Comune virtuoso”, ma guarda caso questa amministrazione nel mese di gennaio non è già stata in grado di pagare gli stipendi ai dipendenti comunali».

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com