breaking news

Lentini | Giornate Fai di Primavera, “Viaggio nei luoghi del martirio e della città medievale”

22 Marzo 2019 | by Silvio Breci
Lentini | Giornate Fai di Primavera, “Viaggio nei luoghi del martirio e della città medievale”
Cultura
1

Sabato e domenica il tradizionale appuntamento dedicato alla riscoperta e alla valorizzazione dei beni culturali italiani. Tre gli itinerari proposti in provincia dal Fai: Siracusa, Lentini e Sortino.

Il più grande evento Fai dal 1993. Dal 1993 rappresentano il più grande evento dedicato alla riscoperta e alla valorizzazione dei beni culturali italiani. Sono le Giornate Fai di Primavera, straordinaria occasione di incontro tra generazioni diverse e di riscoperta di un impegno civile a difesa del patrimonio storico, artistico e culturale. Una grande festa dei beni culturali aperta a tutti e alla quale, in 26 anni di storia, hanno partecipato più di 10 milioni di italiani visitando oltre 12 mila luoghi solitamente chiusi al pubblico in più di 5 mila città di tutta Italia.

Tre gli itinerari proposti in provincia. In provincia, per la ventisettesima edizione delle Giornate Fai di Primavera, sono tre gli itinerari proposti, uno a Siracusa, gli altri due a Sortino e Lentini. L’appuntamento è per domani e domenica, dalle 10 alle 17.30. A Lentini il Fai propone un affascinante “Viaggio nei luoghi del martirio dei fratelli Alfio, Filadelfo e Cirino e della città medievale”. Colonia calcidese fondata nel 729 a.C., l’antica Leontinoi fu una delle prime città greche dell’isola. “Siciliae Urbs Vetus et Fecundissima” la definirono nei primi secoli del cristianesimo. Sede vescovile fino al 790 d.C., la Lentini cristiana è celebre per il culto verso Alfio, Filadelfo e Cirino, tre fratelli cristiani martirizzati il 10 maggio del 253 d.C.

A Lentini nei luoghi del martirio e della città medievale. Saranno aperte la chiesa della Fontana o dei Tre Santi, la chiesa-grotta del carcere, l’ex cattedrale Santa Maria la Cava e Sant’Alfio, la chiesa di San Luca, la chiesa rupestre di San Giuliano lo Spedaliere e, non ultima, la grotta del Crocifisso, oratorio rupestre tra i più importanti della Sicilia bizantina per il suo vasto ciclo di affreschi che vanno dal XII al XVII secolo, alcuni dei quali restaurati di recente proprio grazie a un contributo erogato dal Fai nell’ambito della celebre campagna “I luoghi del cuore” del 2016.

Gli “Apprendisti Ciceroni”. Le Giornate Fai di Primavera coinvolgono ogni anno oltre 40 mila “Apprendisti Ciceroni”, ovvero studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado che accompagnano i visitatori nei luoghi aperti al pubblico. Poiché, com’è nello spirito del Fai, educare al valore del patrimonio culturale e paesaggistico attraverso la partecipazione attiva alla sua cura è uno dei modi più efficaci per risvegliare il proprio impegno civile. A Lentini saranno gli studenti degli istituti superiori “Vittorini-Gorgia” e “Pier Luigi Nervi”.

E anche “Lentini di pietra”. In concomitanza con la manifestazione del Fai, domenica si svolgerà anche l’iniziativa “Lentini di pietra: da Leontinoi a Lentini”, un viaggio che attraverserà la storia di Lentini e Carlentini leggendo i segni incisi nella roccia. Dalla cava Ruccia alla valle San Mauro il paesaggio è, infatti, contraddistinto dalle alte pareti di roccia bianca scavate e modellate per abitarvi, per difendersi o per custodire i corpi di chi non c’era più. Il sito preistorico di Metapiccola e la chiesa rupestre del Crocifisso sono gli esempi di questo trascorrere del tempo che ci ha lasciato eredi di una entusiasmante bellezza. Le rupi di Lentini modellate dall’uomo sono anche diventate i luoghi sacri del martirio dei santi Alfio, Filadelfo e Cirino. A guidare i partecipanti sarà l’archeologo Italo Giordano.

© Riproduzione riservata

One Comment

  1. Francesco La Rocca says:

    Ottima opportunità per la città di Lentini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com