breaking news

Siracusa| Lele Catania regala tre punti pesanti agli azzurri spingendoli verso la salvezza

Siracusa| Lele Catania regala tre punti pesanti agli azzurri spingendoli verso la salvezza
Sport
0

Al “De Simone” il Siracusa vince il recupero con il Rieti per 1-0, ponendo una seria ipoteca sulla permanenza in serie C

Contro il Rieti, nel recupero della 28esima giornata, Raciti lascia fuori dall’inizio Tiscione, al suo posto Russini.  Quanto al resto degli effettivi azzurri, è riconfermata la stessa formazione che ha battuto la Vibonese. Prima della gara il presidente Alì ha premiato Catania per le 50 reti con la maglia del Siracusa  in 131 gare. In tribuna gli ex azzurri Sottil e Mascara.

All’undicesimo minuto, Catania di petto su cross di Parisi sigla il gol numero 51 portando in vantaggio il Siracusa. Reazione sterile dei laziali, che gli azzurri controllano affidandosi alle ripartenze.

Partita fisica: al 31′, ammoniti Ott Vale e tre minuti dopo Garofalo, al 37′, su assist di Parisi, Catania tenta l’eurogol di tacco, para Marcone. Il primo tempo si conclude  con il Siracusa meritatamente in vantaggio.

Nel secondo tempo triplo cambio per il Rieti: Carpani, Maistro e Delli Carri per Palma, Catarino e Zanchi. Al 47′, grande azione di Russini che semina il panico, tiro deviato in angolo. Al 52′, girata di Cernigoi, di poco a lato.

Al 62′ Russini scatta sulla sinistra  guadagnandosi una punizione dal limite: bomba di Vazquez che viene smorzata dalla barriera. Altro cambio nel Rieti al 64′, fuori Cernigoi dentro Tommasone. Al 65′, paratona di Crispino su tiro di Maistro.

Al 70′ Delli Carri sotto misura spreca malamente. Al 75′ grande azione di Russini, palla in mezzo per Talamo che non aggancia d’un soffio.

Cinque minuti di recupero con finale da thrilling: Crispino salva su Gondo al 95′, nell’azione seguente Souare calcia da fuori aria ma Marcone recupera sulla linea. Tre punti vitali.

Ezio Raciti, allenatore azzurro: “Dovevamo vincere e abbiamo vinto, è normale che chi perda cerchi giustificazione. Abbiamo interpretato la gara come dovevamo. Forse siamo stati fortunati alla fine, ma è giusto cosi. Tutto il gruppo merita un bell’ 8 in pagella, soprattutto per i sacrifici fatti. Oggi siamo una squadra solida che sa soffrire, in questo momento possiamo giocarcela con tutti. Ho detto che saremo noi gli artefici del nostro destino. Salvi? No, è ancora lunga dobbiamo fare punti il più possibile sino al 5 maggio.” Simone Russini, esterno offensivo: “Ho sempre cercato di farmi trovare pronto e di ricambiare la fiducia del tecnico. Era importante vincere. Adesso siamo più sereni, perché vincere aiuta a vincere. La svolta c’è stata a Lentini, dobbiamo salvarci prima possibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com