breaking news

Noto| Sanità. Bonfanti all’Asp:  “Rifunzionalizzazione” della sanità in Sicilia, il reparto di Pediatria poteva essere riattivato il 28 marzo

Noto| Sanità. Bonfanti all’Asp:  “Rifunzionalizzazione” della sanità in Sicilia, il reparto di Pediatria poteva essere riattivato il 28 marzo
Sanità
0

“L’Asp è in totale confusione: non ricorda che la rifunzionalizzazione della sanità in Sicilia risale a inizio secolo e che si consuma definitivamente dieci anni fa. E questo a me sembra molto grave». Così il sindaco di Noto Corrado Bonfanti replica alle precisazioni dell’Azienda Sanitaria Provinciale sulla questione ospedale Trigona.

«Inoltre, – prosegue Bonfanti – non si ricorda che è stato comunicato alla direzione Asp, che il reparto Pediatria poteva essere riattivato il 28 marzo e che quella comunicazione è rimasta senza risposta. E che oltre alla dichiarazione dei Capi Dipartimento ed a quanto scritto nel comunicato della stessa Azienda del 28 febbraio 2019. Il direttore sanitario Anselmo Madeddu il 25 marzo 2019 durante il consiglio comunale svoltosi a Noto dichiarava: “L’impegno che vogliamo prendere è che non si sposterà una virgola da Noto, non uscirà niente da Noto fino a quando non saranno attivate tutte le cose previste dalla rete a Noto e quindi mi riferisco alla lungodegenza, alla riabilitazione e quant’altro. L’altra ala del terzo piano dell’ospedale di Noto dove adesso è Geriatria è quella che abbiamo individuato per realizzare la lungodegenza con i 14 posti letto. – ha proseguito – Noi intendiamo realizzare quanto prima un reparto modello al terzo piano e quindi aggregare la Geriatria alla lungodegenza. Vogliamo fare la stessa con la Riabilitazione che in questo momento a Noto funziona solo come attività ambulatoriale.

Noi vogliamo attivare i posti letto, quindi la degenza, e vogliamo attivare questi 28 posti letto esattamente nello stesso piano (il secondo) dove adesso insiste la parte ambulatoriale della Riabilitazione” e poi “Una cosa deve essere estremamente chiara: il momentaneo trasferimento del punto nascita da Noto a Siracusa non deve assolutamente essere frainteso come l’inizio del processo di rifunzionalizzazione”». Un contraddittorio emergerebbe inoltre tra l’occupazione dei reparti in causa, di ostetricia e ginecologia, oltre che della pediatria. «Con l’occupazione dei reparti di Ostetricia e Ginecologia, nonché di Pediatria – ha concluso Bonfanti – di fatto, per l’inserimento dei nuovi reparti, la stessa Asp si contraddice e si smentisce spudoratamente. E poi non bisogna arrabbiarsi?».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com