breaking news

Siracusa| Associazioni sportive cassibilesi in sit-in davanti al campo “Ivan Tuccitto”

20 Aprile 2019 | by Giuseppe Notaro
Siracusa| Associazioni sportive cassibilesi in sit-in davanti al campo “Ivan Tuccitto”
Attualità
0

Consiglieri comunali ed associazioni sportive insieme ad alcuni cittadini cassibilesi si sono ritrovati nei pressi della struttura sportiva comunale

Stamani nei pressi del campo sportivo “Ivan Tuccitto” di Cassibile, alcuni cittadini cassibilesi, alla presenza dei consiglieri comunali siracusani Andrea Buccheri(Siracusa Futura Pd) e Chiara Ficara del M5S, insieme alle associazioni cassibilesi, Acli, associazione Donna, AS Cassibile, Smile Art, si sono dati appuntamento  per un sit-in di protesta contro la mancata riapertura della struttura sportiva cassibilese.

Al momento nell’impianto,  sarebbe possibile giocare al calcio, visto che il manto sintetico è stato collaudato, ma i manifestanti hanno lamentato la  mancanza di altre utilità alla struttura, quali l’illuminazione, il tensostatico adiacente al campo ancora in grave stato di degrado dopo il maltempo dei mesi scorsi e per l’opera distruttrice dei vandali, gli spogliatoi sotto le tribune, anch’esse da rimettere a norma, attendono di essere riqualificati totalmente.

Su questi  temi, interviene con una nota critica sull’operato della giunta cittadina il Meetup Siracusa del M5S, che lamenta da parte dell’amministrazione comunale la “assenza di pianificazione e gravi carenze in fase di progettazione che segnano pesantemente l’interminabile opera di riqualificazione del campo sportivo di Cassibile.”

I pentastellati aretusei, nel documento ricordano le fasi della vicenda.

“Del progetto si parla dal 2016, cioè, da quando il comune di Siracusa decide di aderire ai bandi dell’Istituto di credito sportivo.

Nel 2017 è stata espletata la gara e nel 2018 si è arrivati all’aggiudicazione e alla consegna dei lavori – ricorda il M5S Siracusa –  che dovevano essere completati in tempi celeri: 90 giorni secondo quanto stabilito dal capitolato.

Ed invece si è arrivati nel 2018 alla sospensione delle opere e nel 2019 alla necessità di una nuova gara d’appalto per l’illuminazione della struttura.

Emergono evidenti in questa vicenda tutte le lacune delle politiche sportive e dei lavori pubblici del comune di Siracusa.

Con il credito sportivo- precisa il M5S Siracusa – è stato acceso un mutuo da un milione di euro circa con un progetto esecutivo però che non contemplava le torri faro ed altre opere di cui era facile però intuire la necessità, come l’allaccio alla cabina elettrica.

Il progetto esecutivo- concludono i pentastellati siracusani -mostra piuttosto numerose lacune ed ha richiesto una serie di adattamenti in corsa che ancora oggi non permettono comunque di festeggiare la conclusione dei lavori”.

Il meetup aretuseo raccoglierà un dossier da consegnare ai consiglieri comunali M5S, per mettere a loro disposizione gli strumenti utili a poter incalzare la giunta comunale affinché trovi le giuste soluzioni per il campo sportivo di Cassibile.

La somma di un milione di euro stanziato attraverso un mutuo con il credito sportivo come ricordava il M5S Siracusa nelle sua nota, è stata considerata insufficiente dai tecnici comunali, perché venisse inserita nel quadro della riqualificazione dell’impianto, anche l’illuminazione del terreno di gioco, passato dalla terra battuta di qualche anno fa, al sintetico.

L’ impresa cui erano stati assegnati i lavori per il terreno di gioco, aveva chiesto di utilizzare le economie provenienti  dal ribasso d’asta per installare le torri faro per l’illuminazione.

L’assessore comunale ai lavori pubblici, Pierpaolo Coppa, interpellato dai giornalisti, ha affermato che non esistevano le condizioni perché fosse la stessa ditta ad occuparsi anche delle torri faro, visto che la legge non avrebbe consentito di superare i canoni previsti.

Quindi, secondo l’assessore Coppa, con il ribasso d’asta cui si è arrivati, non sarebbe stato possibile affidare i lavori delle torri faro, alla ditta cui sono stati assegnati i lavori di rifacimento dell’intero impianto.

Questi argomenti, furono oggetto di una riunione tra l’assessore Coppa e le associazioni sportive di Cassibile  tenutasi lo scorso novembre.

Dal momento che i costi proposti in un primo momento, secondo l’assessore Coppa,erano piuttosto elevati, con una nuova gara d’appalto si potranno ottenere gli stessi risultati con una spesa minore, anche se allo stato dei fatti, le somme disponibili dovranno essere integrate.

Per il momento, secondo l’assessore Coppa, il  campo di calcio di Cassibile puo’ essere comunque già utilizzato visto che è stato già collaudato.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com