breaking news

Augusta| Celebrata la “Giornata della Memoria” della città.

Augusta| Celebrata la “Giornata della Memoria” della città.
Attualità
0

In occasione del 76° anniversario del bombardamento, che il 13 maggio 1943 provocò lutto e distruzione in Augusta, è stata celebrata, ieri a mezzogiorno, in chiesa Madre una messa di suffragio per le vittime di quella tragedia. Alle 12.46, come richiesto da don Prisutto, le campane di tutte le chiese hanno suonato a lutto e le comunità parrocchiali hanno osservato un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime innocenti.

Celebrata ieri la “Giornata della Memoria” di Augusta. La ricorrenza, istituita nel 2011, da allora ogni anno è l’occasione per ricordare le vittime del bombardamento e i caduti civili e militari di tutte le guerre. Alle 12 di si svolta l’oramai consueta solenne celebrazione eucaristica con l’intervento del sindaco Cettina Di Pietro e delle autorità civili e militari. Alle 12.46, come richiesto dall’arciprete don Palmiro Prisutto, le campane di tutte le chiese hanno suonato a lutto e le comunità parrocchiali hanno osservato un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime innocenti del bombardamento che avvenne a quell’ora.

Il 13 maggio è il primo dei due momenti della “Giornata della Memoria Cittadina” in ricordo delle vittime dei bombardamenti del 1943. Al termine della messa una corona d’alloro è stata deposta nel “Memoriale” collocato all’interno della chiesa. La celebrazione è stata organizzata dal sindaco Cettina Di Pietro e dall’assessore alla Cultura, Giusy Sirena, in collaborazione con la commissione comunale di Storia patria, presieduta da Giorgio Càsole. Sono intervenuti Francesco Migneco, sopravvissuto alle tragedie e, quindi testimone dei fatti che morte e distruzione portarono ad Augusta, nonché autore del libro “Augusta, 13 maggio 1943, l’inferno scese dal cielo” e il direttore del Museo della piazzaforte, Antonello Forestiere, grande conoscitore dei fatti storici che ha ripercorso gli eventi che hanno disegnato quella triste pagina di Augusta. “ Sessantadue i morti riconosciuti – ha detto Forestiere  – tra cui anche neonati e bimbi” Nomi dei quali ha dato lettura Giorgio Càsole, mentre Francesco Migneco ha ricordato che la seconda guerra ad Augusta ha causato la morte di oltre 219 persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com