breaking news

Lentini | Depuratore consortile e canaletta Paradiso, somme in arrivo per i danni post alluvione

21 Maggio 2019 | by Silvio Breci
Lentini | Depuratore consortile e canaletta Paradiso, somme in arrivo per i danni post alluvione
Attualità
1

Dal Dipartimento regionale della Protezione civile 248 mila euro per il depuratore e 35 mila euro per la canaletta Paradiso, danneggiati dal nubifragio dello scorso ottobre.

I finanziamenti. Ammontano a 248.118,20 euro e a 35.000 euro i finanziamenti assegnati al Comune di Lentini dal Dipartimento regionale della Protezione civile per la riparazione dei danni subiti rispettivamente dal depuratore consortile di contrada Riceputo-Ponterotto (nella foto di copertina e sotto al momento dell’allagamento) e dalla canaletta Paradiso a causa del violento nubifragio dello scorso ottobre e della conseguente esondazione del fiume San Leonardo.

A darne notizia è l’amministrazione comunale, mobilitatasi già all’indomani dell’alluvione che provocò, anche per atavica e colpevole incuria, danni ingentissimi alle infrastrutture pubbliche – strade, impianti e condotte irrigue, soprattutto – e alle aziende agricole, i cui campi rimasero allagati per giorni con conseguente e inevitabile distruzione di intere colture di agrumeti, uliveti e vigneti.

I danni subiti. Il solo depuratore, nel quale confluiscono i reflui di Lentini e Carlentini, rimase completamente allagato per alcuni giorni dopo l’esondazione, e il Comune di Lentini, capofila del consorzio che lo gestisce, dovette subito provvedere a ripristinarne la funzionalità per scongiurare il rischio di gravi conseguenze ambientali. Stesso discorso per la canaletta Paradiso, che rifornisce d’acqua il centro storico di Lentini, i cui danni dovettero essere riparati immediatamente con lavori di somma urgenza.

L’assessore alla Protezione civile. «Il depuratore consortile e la canaletta paradiso, per la depurazione delle acque reflue il primo e per la fornitura di acqua il secondo, sono due strutture fondamentali del servizio idrico – spiega il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici e alla Protezione civile, Alessio Valenti – a cui prestiamo molta attenzione. Entrambe erano state danneggiate dall’alluvione e avevamo dovuto riattivarne in emergenza le funzionalità essenziali anticipando i costi dei lavori. Grazie alla proficua interlocuzione con i vertici regionali della Protezione civile e con il presidente della Regione, che visitò il nostro territorio già all’indomani del nubifragio, siamo riusciti a ottenere queste somme».

© Riproduzione riservata

One Comment

  1. Giuseppe says:

    X i danni agli agrumeti non se ne parla affatto.complimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com