breaking news

Lentini | Da cinque mesi senza stipendio, martedì sciopero dei dipendenti del Consorzio di bonifica -Video

23 Maggio 2019 | by Silvio Breci
Lentini | Da cinque mesi senza stipendio, martedì sciopero dei dipendenti del Consorzio di bonifica<span class='video_title_tag'> -Video</span>
Sindacale
0

Situazione insostenibile. Questa mattina assemblea sindacale con i segretari provinciali e regionali di Flai Cgil e Filbi Uil. Presenti i rappresentanti delle amministrazioni comunali di Lentini, Carlentini e Militello in Val di Catania.

L’assemblea in vista dello sciopero. Da quasi cinque mesi senza stipendio, i dipendenti del Consorzio di bonifica 10 di Siracusa, oggi riunito con quelli di Catania, Ragusa, Messina, Enna e Caltagirone sotto il Consorzio di bonifica della Sicilia Orientale, hanno proclamato per martedì lo sciopero generale. Questa mattina, alle 12.30, si è svolta nella sede del Consorzio, in Piazza dei Sofisti, un’assemblea sindacale alla quale sono intervenuti i segretari provinciali e regionali di Flai Cgil e Filbi Uil, Domenico Bellinvia e Giosuè La Terra e Alfio Mannino ed Enzo Savarino.

Presenti i sindaci. All’assemblea hanno partecipato anche i sindaci di Carlentini e Militello in Val di Catania, Giuseppe Stefio (con l’assessore all’agricoltura Sebastiano Nardo) e Giovanni Burtone, e l’assessore al territorio e ambiente di Lentini Dario Saggio. Erano stati invitati anche i sindaci di Francofonte, Scordia, Sortino, Priolo Gargallo e Siracusa. Assenti, invece, i vertici del Consorzio di bonifica della Sicilia Orientale, il commissario straordinario Francesco Nicodemo e il direttore generale Fabio Bizzini.

«Assordante silenzio da parte dell’amministrazione dell’ente». Obiettivo dell’assemblea quello di costituire una cabina di regia «che possa individuare immediati interventi in grado di ridare tranquillità e stabilità all’intero comparto». Nella nota di proclamazione dello sciopero, inviata al prefetto di Siracusa, Luigi Pizzi, e ai vertici del Consorzio di bonifica della Sicilia Orientale, i sindacati hanno denunciato «l’assordante silenzio da parte dell’amministrazione dell’ente».

«Assurda – scrivono i sindacati – la situazione venutasi a creare a seguito del mancato pagamento degli emolumenti maturati, in parte causato dall’azione posta in essere dal commissario ad acta Azzaro nell’aver ottemperato agli obblighi derivanti da una sentenza con somme messe a disposizione dalla Regione con apposito decreto e con una precisa destinazione, ovvero somme destinate esclusivamente al pagamento degli stipendi del personale in servizio al Consorzio di bonifica 10 di Siracusa».

Una situazione di estrema difficoltà che – scrivono i sindacati – «non consente il normale svolgimento delle attività lavorative a servizio del territorio di competenza». Già nei giorni scorsi, proclamando lo stato di agitazione, Filbi Uil e Flai Cgil avevano denunciato la «totale mancanza di risposte dell’ente alla grave situazione finanziaria che sta appesantendo la già instabile condizione psico-fisica generale dei dipendenti».

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com