breaking news

Augusta| La scuola Todaro ricorda i servitori dello Stato Falcone e Borsellino.

Augusta| La scuola Todaro ricorda i servitori dello Stato Falcone e Borsellino.
Attualità
0

Il III istituto comprensivo “Salvatore Todaro” ha reso omaggio a Giovanni Falcone, nel ventisettesimo anniversario della Strage di Capaci.

Un incontro commemorativo tra alunni docenti, rappresentanti delle istituzioni, la Croce Rossa e l’Inner Wheel, per ricordare il magistrato ucciso dalla mafia il 23 maggio del 1992, si è svolto ieri nell’auditorium, “Giuseppe Fava” del III Istituto comprensivo “Salvatore Todaro”, diretto da Rita Spada. “Vogliamo ricordare Giovanni Falcone, ma anche Poalo Borsellino, vittima di un attentato mafioso il 19 luglio di 27 anni fa. I due servitori dello Stato– ha sottolineato il dirigente scolastico – che hanno sacrificato la loro vita per la giustizia, per la lotta alla criminalità. Simbolicamente ci sentiamo tutti a bordo della nave della legalità. Intendiamo dimostrare che, come diceva Falcone: “gli uomini passano, però le idee restano.

La scuola segue un progetto di educazione alla legalità, di cui è referente la docente Carlotta Romeo”. Presenti il sindaco, Cettina Di Pietro e il comandante della stazione dei Carabinieri di Augusta Paolo Cassia. Immancabile l’intervento della Croce rossa italiana col presidente provinciale Francesco Messina e il referente locale Biagio Tribulato e dell’Inner Wheel, presieduta da Alessandra Traversa, che hanno adottato anche il carrubo presente nel cortile della scuola. Sono stati proiettati due video, uno relativo alla strage e l’altro a cura della Cri con la testimonianza della moglie di Vito Schifani, agente di polizia che faceva parte della scorte di Falcone.

“Si sceglie di investire sui ragazzi i 2 giudici Falcone e Borsellino avevano un ‘idea venuta fuori dal consuntivo del loro lavoro. Erano giunti alla consapevolezza del fatto che il cambiamento si potesse effettuare non soltanto con il loro lavoro, ma suscitando una cultura della legalità. Non hanno fatto in tempo a realizzare questo perché nell’esercizio delle loro funzioni sono stati fermati dalla criminalità”. Ciò quanto evidenziato dal presidente della Cri.  Un minuto di silenzio sottolineato dal suono della tromba di Mauro Farina è stato osservato dai partecipanti al momento commemorativo.  Pensieri sulla legalità sono stati “appesi” all’albero del carrubo. “Quello stesso albero – ha detto Tribulato – che si trova anche davanti la casa di Giovanni falcone dove ogni anno vanno tutti i ragazzi delle scuole e i cittadini a deporre pensieri e riflessioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com