breaking news

Augusta| La Principe di Napoli alla finale nazionale dei giochi matematici.

Augusta| La Principe di Napoli alla finale nazionale dei giochi matematici.
Attualità
0

Tra i finalisti dei giochi matematici che si sono svolti a Milano, nella sede dell’Università Bocconi, c’era anche Francesco Di Fazio, un alunno del 1° Istituto comprensivo “Principe di Napoli”.

Dopo aver superato le semifinali, svoltesi il 26 marzo, il giovane Francesco Di Fazio, alunno che frequenta la seconda classe di scuola secondaria di 1° grado del 1° Istituto comprensivo “Principe di Napoli”, diretto da Agata Sortino, ha raggiunto la finale nazionale della 26° edizione dei Giochi matematici, che ha avuto luogo nella sede dell’Università Bocconi di Milano.

Per la scuola è bello sapere come nell’epoca digitale c’è ancora chi si interessa delle discipline scientifiche come la matematica. Questo è proprio il caso di Francesco, che dopo aver conquistato il 4° posto nella categoria C1 della semifinale provinciale, tenutasi nei locali del liceo Gargallo, accompagnato dalla  docente Emanuela Musumeci è volato verso la grande Milano, per disputare con fermezza e determinazione la finale nazionale. Tra oltre  2.400 partecipanti l’alunno agustano ha vissuto un’esperienza entusiasmante.

Il successo è di Francesco, ma il merito va a tutta la comunità scolastica, che l’ha supportato, alle famiglie che hanno creduto nel progetto e sostenuto i figli che hanno partecipato al Pon “non è la somma che fa il totale” durato 30 ore e tenuto dai docenti Antonio Patania ed Emanuela Musumeci, che hanno motivato, educato al confronto tra pari, e addestrato alle gare con lealtà nello spirito di una sana competizione sportiva e al dirigente scolastico Agata Sortino, sempre pronta ad adottare tutte le forme propositive di innovazione didattica.

“Siamo convinti – dicono i docenti e il dirigente – che la scoperta delle meraviglie dell’universo matematico porti di certo a un sensibile miglioramento nelle competenze dei nostri giovani, ad animare la naturale e istintiva curiosità dei ragazzi accompagnandoli verso la scoperta delle verità matematiche, facendo nascere in loro la consapevolezza della necessità del ragionamento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com