breaking news

Augusta| Moria di pesci nelle saline: denuncia Antonio Caruso di Genitori e figli. -Video

Augusta| Moria di pesci nelle saline: denuncia Antonio Caruso di Genitori e figli.<span class='video_title_tag'> -Video</span>
Attualità
0

Alta concentrazione di pesci morti nelle saline “Regina. Sono centinaia gli esemplari di diverse specie ittiche che galleggiano nell’acqua salmastra della zona umida megarese. A denunciarne la presenza è stato il presidente dell’associazione “Genitori e figli” Antonio Caruso.

Centinaia di pesci senza vita galleggiano nelle saline “Regina”. A denunciarne la presenza su segnalazione dei residenti delle vie limitrofe a piazza Unità d’Italia è stato il presidente dell’associazione “Genitori e figli –Unitevi a noi”, Antonio Caruso. “Il problema – dice Caruso – potrebbe essere dovuto alla mancata ossigenazione delle saline, avvenuta in seguito all’improvviso innalzamento delle temperature, oppure a qualche altro fenomeno che determina l’abbassamento dell’acqua salmastra o, peggio ancora, allo sversamento di  sostanza inquinante. Saranno gli organi competenti a stabilirlo. Non appena gli abitanti di piazza Unità d’Italia hanno chiamato la nostra associazione, in qualità di componenti della stessa abbiamo sentito, subito, il dovere di intervenire denunciando l’accaduto”.

 

GUARDA IL VIDEO 

“Genitori e figli” ha inviato, via mail, una nota alla Capitaneria di porto, al comandante della Polizia municipale e al sindaco, Cettina Di Pietro in quanto responsabile della sanità cittadina e all’assessorato all’ecologia. “Chiediamo aiuto agli enti di competenza – aggiunge Antonio Caruso – alle associazioni di categoria per la tutela delle saline. Vogliamo capire cosa sta accadendo alla nostra amata zona umida. Sarà cura della Capitaneria di porto informare l’Arpa e gli organi preposti. Da ciò che mi è stato riferito la moria potrebbe essere stata causata dal passaggio repentino dalle basse temperature al caldo. Bisogna però approfondire perché questa potrebbe essere solo una concausa. Invitiamo tutti i soggetti coinvolti ad attivarsi tempestivamente per chiarire le ragioni del fenomeno e intervenire”. Fenomeno che si è presentato già, più volte, con le alte temperature che favoriscono l’eutrofizzazione delle alghe, dovuto anche al mancato ricambio delle acque per l’ostruzione dei canali che ne assicurano  l’ossigenazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com