breaking news

Lampedusa| Sea Watch. Presidio al duomo della CO.P.E. etnea: “Restiamo Uniti”

Lampedusa| Sea Watch. Presidio al duomo della CO.P.E. etnea: “Restiamo Uniti”
Attualità
0

Ad intervenire sulla vicenda Sea Watch è l’Associazione CO.P.E. (cooperazione paese emergenti), riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri, la rete catanese “Restiamo Uniti” che proprio ieri ha testimoniato con un presidio davanti il duomo di Catania la propria solidarietà ai 42 migranti a bordo della Sea Watch fermi al largo di Lampedusa.

“A poche miglia dalle nostre coste si sta consumando l’ennesima tragedia per la vita di esseri umani in lizza per un futuro migliore e per le anime di coloro che si voltano dall’altra parte. L’esistenza delle 42 vittime ancora a bordo, l’inferno che hanno dovuto attraversare prima ed il purgatorio in cui li teniamo imprigionati adesso sembrano non essere argomenti validi a fare breccia nell’umanità velata dei comodi aguzzini, che gongolano dietro le quinte per l’ennesimo dramma su cui speculare politicamente. – si legge in un comunicato – Tutte le obiezioni che vengono ad oggi sollevate dal nostro governo in merito alle politiche migratorie europee sono state oggetto di discussione presso le sedi degli organismi democratici deputati a prendere delle decisioni ma coloro che si scagliano con invidiabile vigore ed immutata veemenza contro donne, uomini e bambini indifesi non hanno saputo (o forse voluto) dire la loro, salvo poi additare l’Unione Europea nei talk shows. Resta il fatto che, riconsegnare esseri umani alle condizioni di atrocità della Libia acuitesi, così come confermato dalle nostre autorità, già dal 3 aprile di quest’anno, vorrebbe dire documentare una schizofrenia politica che degenera presto in disumanità quando a pagare il dazio sono esseri umani incolpevoli e spesso inconsapevoli”.

“Inoltre, la supponenza del linguaggio e l’efferatezza degli atteggiamenti rendono ancora più incomprensibile un accanimento superfluo, ancor di più nel momento in cui anche la comunità religiosa si mobilità, soprassedendo sul pretestuoso Risiko politico internazionale, pur di offrire pace ad esseri umani ormai stremati da due settimane di traversata. Noi, però, – concludono – non ci scoraggiamo. Nonostante ci occupiamo da decenni dei paesi in via di sviluppo riteniamo ormai da mesi non più prorogabile l’intervento immediato sulle questioni che vengono da lontano ma che ci coinvolgono molto da vicino. Proprio ieri sera, infatti, l’o.n.g. Co.p.e. ha sostenuto il presidio organizzato della rete catanese “restiamo umani” davanti il duomo, per non perdere il filo e per gettare paglia sul fuoco della solidarietà. Nell’auspicio che il nostro sforzo diverrà presto inutile, i valori etici e morali su cui si fonda la nostra organizzazione ci impongono di riuscire a riconquistare un cuore alla volta finché sarà necessario. Non saranno leggi ingiuste a ostacolare l’opera di donne e uomini onesti e di buona volontà, per questo non possiamo che fare nostra l’accorata richiesta di liberare subito gli ostaggi di questa disumanità che ci lascia ancora increduli. Fateli scendere”.

Intanto le ultime notizie Ansa parlano che la Sea Watch starebbe per entrare nelle acque italiane per fare rotta verso Lampedusa. La comandante della nave della Ong ha annunciato l’intenzione di fare rotta verso Lampedusa viste le condizioni dei migranti a bordo, e tutto questo pur contravvenendo alla direttiva del Ministro dell’Interno Matteo Salvini. Che ha vietato l’avvicinamento della Sea Watch alle acque italiane fermo a circa 12 miglia dalla costa italiana da 14 giorni. Intanto in queste intense ore, una motovedetta della Guardia di finanza è partita da Lampedusa e ha intimato l’ALT all’ imbarcazione Sea Watch (che batte bandiera olandese) nel corso del suo avvicinamento verso Lampedusa. La Sea Watch è ora a largo del porto di Lampedusa in attesa di attraccare al porto siciliano nella serata, dopo la partenza del traghetto, diretto a Porto Empedocle. Intanto Sul molo di Lampedusa uno schieramento di carabinieri ha formato un cordone di protezione (fonte ansa).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com