breaking news

Augusta| ALUNNI DEL RUIZ E DETENUTI, UN SODALIZIO FELICE IN NOME DEL TEATRO E DELLA LEGALITÀ

6 Giugno 2014 | by Michela Italia
Augusta|  ALUNNI DEL RUIZ E DETENUTI, UN SODALIZIO FELICE IN NOME DEL TEATRO E DELLA LEGALITÀ
Spettacolo
0

Il 4 giugno si è alzato il sipario, per il quarto anno consecutivo, per il progetto teatro e legalità. Una brigata di attori tra detenuti della compagnia “Voci dal palcoscenico” e gli allievi del II Istituto d’istruzione Superiore Arangio Ruiz. Lo spettacolo si intitola “Settimo: non rubare” ed è un rifacimento di “Settimo ruba un po’ meno” famoso lavoro teatrale, scritto nel 1964, firmato dal Nobel Dario Fo. Il regista Davide Sbrogiò, che ha curato la riduzione e la messa in scena, è stato coadiuvato dalla referente del progetto prof.ssa Giusi Lisi e dalle tutor prof.sse Joselinda Dispensa e Cettina Baffo. Una burla alle spalle credulone Enea, guardiano del cimitero milanese, messa in atto dai becchini. L’assurda bufala riguarda un fantomatico trasferimento del cimitero monumentale con annesso cadaverodotto per il trasporto delle salme. Tra feretrobi, sedute spiritiche, equivoci e trasferimenti si snoda l’amara commedia di Fo che smaschera cattivi costumi e brogli della macchina burocratica. Un testo difficile, una scommessa azzardata. Il risultato? Uno strepitoso successo reso umano da quelle che gli addetti ai lavori definirebbero sbavature. Francesco Antinolfi, nei panni del protagonista, conferma la sua bravura e il suo spessore culturale. Roberto Agnello, il feretrofobo, con il suo uso dinoccolato e marionettistico sembra quasi impersonare un redivivo Totò. Burlone, instancabile, istrionico. I ragazzi del Ruiz, sempre più bravi di anno in anno, sono riusciti a confondersi tra i detenuti creando un gruppo coeso che batte con lo stesso cuore. In sala, oltre alle autorità, ad applaudire gli attori la Banda Osiris (attualmente impegnata al Teatro Greco nelle Vespe di Aristofane) che ha omaggiato il pubblico con un’atipica versione di Caravan Petrol a cappella. Luigi Tabita, attore augustano presente alla prima, si è complimentato per il meraviglioso lavoro di squadra tra alunni e detenuti e per l’ottimo esempio di impegno civile. Il direttore Antonio Gelardi e il dirigente Carmelo Gulino hanno applaudito la loro equipe, entusiasti per l’evolversi di questo importante progetto.

 

Visualizzazioni: 173

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com