breaking news

Carlentini| Calcio: l’ultimo saluto ai tifosi

15 Luglio 2016 | by Silvio Breci
Carlentini| Calcio: l’ultimo saluto ai tifosi
Sport
1
Apparso sulla propria pagina Facebook, il commiato dell’Asd Carlentini dopo la cessione del titolo di Prima Categoria a un gruppo di imprenditori di Scordia.

Eccolo l’ultimo accorato saluto alla propria tifoseria. È apparso sulla pagina Facebook dell’Asd Carlentini a poche ore dalla notizia della cessione del titolo di Prima Categoria a un gruppo di imprenditori di Scordia. «Quello di oggi è purtroppo l’ultimo post di questa pagina, perché come molti di voi già sapranno il nostro presidente è stato costretto, trovandosi solo e senza alcun sopporto, a cedere gratuitamente il titolo ad alcuni imprenditori di Scordia. Il calcio a Carlentini – si legge – è ufficialmente finito e con esso i sogni di tanti giovani che da 30 anni, tra alti e bassi, onoravano la maglia della loro città. Di certo un pizzico di malinconia la si proverà, la domenica, quando passando dal campo si vedranno i cancelli chiusi. Nessuno potrà più trascorrere due ore spensierate in tribuna, ridendo, esultando o magari arrabbiandosi per un gol sbagliato. Non ci saranno più cori, foto di gruppo, magliette lanciate a fine gara. Non ci sarà più il calcio, sì proprio il calcio, lo sport più bello del mondo, quello capace di dividere per poi unire i nostri cuori, quello che ci fa sorridere, piangere, abbracciare, cantare. Quello che ci fa fare decine di chilometri per seguire i nostri undici amici, magari in un paesino sperduto. Ringraziamo – si legge ancora nel post apparso sulla pagina Facebook dell’Asd Carlentini – tutti i presidenti che in questi anni si sono succeduti dando il loro piccolo ma prezioso contributo, gli allenatori che in questi anni hanno lasciato qualcosa ai loro ragazzi insegnando loro il rispetto prima di ogni cosa, le centinaia di calciatori che hanno sudato la loro maglia, magari non riuscendo sempre a lasciare il segno ma comunque rimanendo legati nel tempo a quei colori. Ma soprattutto vogliamo ringraziare i tifosi, nostri amici, che ogni domenica riempivano quella tribuna, senza mai pretendere troppo e mai delusi anche quando in campo si facevano figuracce. Tutti siamo passati da quel campo a inseguire quel pallone e tutti abbiamo imparato qualcosa da esso, perché il calcio è lo sport più bello del mondo, perché il calcio è stato la nostra vita».

© Riproduzione riservata

One Comment

  1. Aldo failla says:

    Spiacente, e’ un pezzo di storia che se ne va.ma non si puo’ da soli reggere la societa’. E’ la conseguenza della crisi che investe tutto il territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com