breaking news

Siracusa| Nuovo ospedale, ancora errori

Siracusa| Nuovo ospedale, ancora errori
Politica
0
Secondo Progetto Siracusa ci sarebbe clima di approssimazione sul nuovo progetto 

Nota congiunta di Ezechia Paolo Reale e Carmen Perricone di Progetto Siracusa sulla vicenda del nuovo ospedale e la scelta dell’area su cui costruire. “Ancora una volta l’Amministrazione comunale si distingue per la sua incapacità ad affrontare e risolvere i reali problemi della collettività. – dicono Reale e Perricone – Dopo mesi di confronti, riunioni e dibattiti su una proposta di delibera presentata dall’Amministrazione sulla scelta dell’area per la realizzazione del nuovo ospedale, ieri sera in consiglio comunale è stato accertato quello che noi di Progetto Siracusa avevamo sempre affermato, purtroppo ancora una volta inascoltati. E cioè che la procedura seguita non era corretta e serve quindi modificarla per renderla efficace e trasparente. Ieri in consiglio comunale il nostro rappresentante Salvo Sorbello, dopo aver rilevato come la nota dell’Asp sulla localizzazione dell’ospedale fosse tecnicamente ineccepibile, ma curiosamente tardiva e come incredibilmente non fossero presenti in aula i rappresentanti dell’Amministrazione comunale, ha votato, insieme ad un solo altro consigliere, contro il rinvio della decisione, nella convinzione che il tempo che passa compromette ogni giorno di più la possibilità di ottenere il finanziamento per la costruzione del nuovo ospedale. E’ responsabilità dell’Amministrazione intraprendere strade possibili. Si è scelto, invece, un vicolo cieco che, di rinvio in rinvio, allontana ogni giorno di più l’obiettivo. Questa Amministrazione conferma di essere pasticciona ed arrogante, incapace perfino di riconoscere i propri errori, che faranno perdere altro tempo prezioso alla realizzazione, indispensabile ed urgente, del nuovo ospedale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com