breaking news

Lentini| Fondazione Pisano, premio tesi di laurea: ieri sera la consegna al Castellaccio

4 Agosto 2016 | by Silvio Breci
Lentini| Fondazione Pisano, premio tesi di laurea: ieri sera la consegna al Castellaccio
Cultura
0
I premiati a colloquio con Sarah Zappulla Muscarà, Massimo Frasca e Patrizia Carnazzo. La cerimonia coordinata dalla presidente Rossana Sampugnaro.
baudo

Alessandra Baudo

All’ombra del Castellaccio a colloquio con tre docenti dell’università di Catania, Sarah Zappulla Muscarà, Massimo Frasca e Patrizia Carnazzo, per parlare di Lentini, del suo territorio, delle sue ricchezze e delle sue potenzialità. Si è svolta ieri sera, infatti, la cerimonia di consegna del premio per la migliore tesi di laurea sul territorio istituito dalla «Fondazione ing. Vincenzo Pisano». Il premio – 500 euro in denaro più un ulteriore bonus per la pubblicazione dell’elaborato – era rivolto alle tesi di laurea di qualsiasi disciplina che avessero per oggetto ambiti di ricerca riguardanti Lentini e il suo comprensorio. A ricevere il premio è stata Alessandra Baudo per il suo lavoro su «Sebastiano Addamo novelliere» (Facoltà di Lettere, a. a. 2012-2013, relatrice Sarah Zappulla Muscarà). Nel corso della serata sono state anche conferite tre menzioni di merito ad Adalgisa Polopoli per la tesi «Il Castellaccio di Lentini: vicende storiche e testimonianze archeologiche» (Beni Culturali, a. a. 2007-2008, relatore Massimo Frasca), Valentina Vasta per la tesi «Arte coroplastica in Sicilia: caratterizzazioni minero-petrografiche e indagini sulla provenienza e manifattura di terrecotte architettoniche arcaiche e classiche da Gela, Siracusa e Lentini» (Geologia, a. a. 2014-1015, relatrice Germana Barone) e Demelzia Scirè Calabrisotto per la tesi «Dall’abbandono a una nuova centralità urbana: recupero e ampliamento della piscina comunale di Lentini» (Architettura, a. a. 2013-2014, relatore Vittorio Fiore). Una menzione speciale è stata assegnata dall’associazione Neapolis a una tesi di Agnese Nardo sulle chiese rupestri dal titolo «Con occhi nuovi» (Belle Arti, a. a. 2015-2016, relatore Giancarlo Germanà Bozza). La giuria era composta da Maria Arisco, Armando Rossitto, Pippo Cosentino, Domenico Zagami e Salvo Mazzone e da Silvia Calabrese in rappresentanza del cda della fondazione. Il «1° Premio di laurea ing. Vincenzo Pisano» è stato finanziato con le somme ricavate dalla rinuncia ai compensi da parte di due membri del consiglio di amministrazione. Coordinata dalla presidente uscente Rossana Sampugnaro, la cerimonia ha registrato la partecipazione dell’assessore ai beni culturali Alessio Bufalino, dell’ex sindaco Alfio Mangiameli, dei membri del cda Cettina Terranova, Silvia Calabrese, Laura Valenti e Alfio Alessandro e del direttore Danilo Ferrante.

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com