breaking news

Augusta| “Nuovo assessore,vecchie abitudini…”

5 Dicembre 2016 | by Redazione Webmarte
Augusta| “Nuovo assessore,vecchie abitudini…”
Politica
0

Commento della situazione politica locale e del nuovo ingresso in seno alla giunta comunale del segretario cittadino del Pd e consigliere comunale Triberio.

Diamo ancora una volta il nostro benvenuto all’ennesimo ‘nuovo arrivo’ in giunta, questa volta assessore agli affari generali, affari legali e politiche sociali, avv. Rosanna Spinitta, professionista catanese ‘cooptata’ da una maggioranza in continuo divenire e a caccia di record: secondo una procedura divenuta ormai consuetudine, infatti, anche la neo assessora, nominata stavolta in gran fretta lo scorso 28 novembre, sarebbe stata prescelta sulla base di requisiti di “scorrimento”, in assenza di un nuovo “bando” per la selezione dei candidati al ruolo in oggetto, che dovrebbe avvenire sulla base di criteri certi desumibili dai rispettivi curricula.

yap recordingSperiamo comunque per il meglio, per questo incarico ad un compito complesso e delicato, un assessorato con importanti deleghe sulla gestione delle problematiche di chi si trova in situazione di svantaggio e di tutti i gruppi sociali più fragili e bisognosi e della delicata questione sbarchi; un compito di rilievo, dunque, che inizia a dispetto di quei criteri di trasparenza democratica cui dovrebbero essere informate le procedure di reclutamento nella P.A., un tempo proclamati come cavallo di battaglia nel programma politico pentastellato.  Ma si sa, i 5stelle sanno essere molto indulgenti quando la correttezza va esercitata tra i propri affiliati e in questi diciotto mesi di governo del nostro comune ci hanno abituati ad un modus operandi dai contorni non troppo ortodossi e dagli esiti alquanto deludenti, se non del tutto negativi.

A cominciare dalla continua rimodulazione della giunta assessoriale, per la quale si è sempre preferito ricorrere -per motivi mai resi noti-a contributi ‘esterni’, di esperti provenienti da fuori Augusta, che, giocoforza e con tutto il rispetto al netto di esser supetecnici, non possono conoscere a fondo le reali esigenze del nostro territorio e i suoi trascorsi storico-sociali, né garantire una presenza assidua e tempestiva in loco in caso di necessità, ed non potendo garantire un “continum” amministrativo.

Una tendenza, questa di affidare onerosi incarichi di governo a membri esterni, che risulta tanto più incomprensibile e nociva, quando poi, nel momento del bisogno, viene quasi ‘preteso’, sulle controversie di difficile risoluzione, il contributo volontario e a titolo gratuito dei professionisti augustani.

Quanto al sottoscritto, continuo ad ottemperare secondo coscienza al mio mandato di consigliere d’opposizione, nel pieno rispetto della volontà espressa dai cittadini con il voto, e tuttavia agendo in vista di ciò che reputo sia il meglio per Augusta e i suoi abitanti operando il mio ruolo di opposizione seguendo i miei ideali politici e la mia etica personale senza ”urlare” e senza “personalismi”. Proprio per questo, nei mesi scorsi ho sentito il dovere morale di chiedere le dimissioni del sindaco Di Pietro, per suo senso di responsabilità per chi eserciti un ruolo di tale responsabilità, stante la situazione di stallo e malgoverno cittadino e di inesistente miglioria delle condizioni della nostra città.

output_l2vs8dResto ancor più sconcertato dopo gli ultimi e preoccupanti accadimenti della recente seduta del consiglio comunale a porte chiuse del 3 novembre scorso.  Oggetto del dibattito -tenuto segreto per motivi di privacy, a detta delle autorità- la relazione della commissione consiliare di indagine sui numerosi lavori di somma urgenza dell’idrico avviate ad Augusta, tra gli anni 2014-16, in assenza di un presunto regolare bando di gara, altresì superata per competenza superiore dall’ispezione regionale inviata nel nostro ente. In tale circostanza in consiglio comunale, è stata mia cura chiedere con urgenza, a tutela del bene cittadino, la puntuale lettura della relazione dell’ispettore regionale, fino a quel momento ancora non consegnata nemmeno ai consiglieri; ho quindi proposto una mia personale visione della problematica a tutela dei cittadini e della città, non del tutto accolta in seno al consiglio, coerente con quegli ideali di trasparenza e legalità cui ho sempre improntato il mio agire, nella vita e in politica. Proprio in obbedienza ai valori suindicati, mi preme continuare a denunciare l’inerzia e l’inefficacia della presente amministrazione, inesistente in settori fondamentali per la città (cultura, servizi sociali, lavori pubblici) e inadempiente rispetto ai temi spinosi dello sviluppo economico, dalla portualità, alla programmazione di interventi a sostegno dell’occupazione, in essere e da creare, per le giovani generazioni.

Una gestione della cosa pubblica che, in modo non dissimile da tante ‘esecrate’ amministrazioni del passato, si limita a condurre stancamente il funzionamento ordinario del comune, facendosi forte della “scusa” di condizione di difficoltà economica e di dissesto, salvo poi affidare, esose consulenze legali esterne, forse a volte non così necessarie. Resto sconcertato e sorprende, in negativo, che la neo nominata assessora fosse assente alla sua prima giunta del 30 novembre, nel corso della quale si è deliberato in merito alle procedure del Sostegno per l’Inclusione Attiva, una azione cardine e di delicata gestione del suo assessorato alle politiche sociali.

Altresì è fondamentale capire come la neo assessora, avendo anche la rubrica affari legali, intende agire sulla questione delle gestione degli incarichi legali conferiti dall’Amministrazione e che nella Giunta del 30 novembre nonostante la sua assenza si è continuato ad esitare. La neo assessora, comunque, può star serena riguardante la celerità dei pagamenti degli incarichi legali.  Infatti il 5 Maggio 2016 con delibera di giunta n. 50 del 2016,  per un ammontare totale di euro 6005.73, è stato conferito un incarico legale a difesa dell’Ente per un ricorso, da parte di un cittadino, al T.A.R. naturalmente controfirmato dal responsabile del 2 settore. Il 28 Ottobre 2016 viene presentata da questo legale la fattura di euro 3052.48 e con provvedimento del registro generale n. 1357 dell’1 dicembre 2016, il giorno dopo la giunta disertata dall’assessora, viene liquidata la fattura. Ma magari la neo assessora conosce chi è il legale incaricato e liquidato in tempi brevi e dopo 3 giorni dopo la sua nomina dato che si chiama con lei avv. Spinitta Rosanna.

Dinanzi ad una situazione di tale difficoltà con una città allo stremo dal punto di vista economico e produttivo, io sto accanto ai nostri concittadini che rischiano il posto di lavoro, a chi si alza la mattina per portare faticosamente lo stipendio per la propria famiglia e per pagare le tasse e a chi a causa del dissesto vive e lavora nel nostro Comune non sapendo se il mese dopo avrà lo stipendio o lo avrà ridotto, ed in rappresentanza del PD cittadino e con il duro e costante lavoro di tutto il gruppo dirigente del circolo e del gruppo consiliare a cui appartengo per il bene dell’intera cittadinanza, non posso che rinnovare l’impegno a mantenere le buone pratiche sinora da Noi perseguite e perseverare nell’azione di proposta, controllo e “lotta” politica, sforzandoci di realizzare così un’opposizione diversa basata sulla concretezza delle proposte e della risoluzione dei problemi, coerente con i propri valori etici e politici e attiva mettendo al centro l’unico obiettivo il bene dei miei concittadini e la costruzione di un Nuovo futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com